Indian Wells: amara sconfitta per la Pennetta. La Lisicki va in semifinale

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

La tedesca annulla tre match point e batte la brindisina al tie break del terzo set. Fognini Bolelli in finale nel doppio

Pennetta

Flavia Pennetta cede alla Lisicki ai quarti di finale di indian Wells

Sapevamo che sarebbe stata un’altra dura battaglia per Flavia Pennetta (15) dopo lo strepitoso successo sulla Sharapova di martedì sera, ma speravamo in un esito completamente diverso. Invece Flavia deve salutare Indian Wells ai quarti di finale. L’azzurra infatti è stata sconfitta nella tarda notte italiana (match finito intorno alle 4 del mattino) da Sabine Lisicki (n. 24 del seeding) in 2 ore e 41 minuti di match, col punteggio di 6-4 6-7 (3) 7-6 (5) e deve abdicare dal trono del torneo Premier Mandatory.

Un peccato la sconfitta, considerando anche che la Pennetta nel terzo set ha avuto a disposizione ben tre match point, ma in tutti e tre i casi è stata brava la Lisicki a salvarsi sfruttando il suo grande servizio. Risultato finale così deciso al tie break del terzo set, dove la tennista teutonica non ha tremato e ha portato a casa l’incontro, conquistandosi la semifinale contro la serbe Jelena Jankovic, già campionessa a Indian Well ben 5 anni fa, nel 2010, e tornata finalmente a livelli competitivi dopo un inizio di stagione disastroso, a dire il vero sfruttando anche un tabellone abbastanza semplice.

Pennetta

La Lisicki salva tre match point e batte la Pennetta nel tie break del terzo set

Nel primo set l’azzurra era incapace di trovare le contromisure alla Lisicki, che si teneva su percentuali ottime di servizio (prima palla) e, con la potenza che si ritrovava, pur concedendo un break alla brindisina, portava a casa il parziale per 6-4, con alla Pennetta chiamato anche un “foot fall” (fallo di piede) su secondo servizio che le costava il doppio fallo e il break subito. Nel secondo set brava Flavia a portarsi sempre in vantaggio, meno però a mantenerlo, facendosi recuperare per ben due volte il break conquistato soprattutto iniziando ad aggredire la seconda della bionda finalista a Wimbledon due anni fa, scesa finalmente con la resa del primo servizio. Da segnalare che sul 5-4 per la Lisicki, e con Flavia al servizio, la tedesca si guadagnava un match point sul 30-40, ma era brava la 33enne brindisina a salvarsi con un diritto vincente perfetto. Si andava perciò al tie break, dove la Pennetta subito guadagnava i primi punti e questa volta conservava il vantaggio portando il match al terzo set. Nel terzo parziale l’inerzia sembrava definitivamente cambiare, con la nostra tennista brava ad aggredire maggiormente l’avversaria giocandole soprattutto sul rovescio, il suo colpo debole, e chiudendo poi in lungo linea o venendo a rete. Ma le uniche occasioni che la Lisicki le concedeva arrivavano sul 5-4, con la tedesca al servizio. Flavia era brava a conquistarsi ben tre match point, partendo dal 15-40, ma due servizi vincenti e un buon diritto le impedivano di trasformare in vittoria le occasioni avute. Si arrivava allora nuovamente al tie break, dove questa volta era la Lisicki a prendere da subito in mano la situazione e portarsi avanti, con la Pennetta molto fallosa soprattutto in risposta e che si arrendeva, al secondo match point, all’ace vincente di Sabine.

Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020

Occasione dunque sfumata per Flavia, che però non deve dimenticarsi del buon torneo giocato, eliminando in crescendo giocatrici di grande livello, a partire dalla Brengle, passando per la Stosur e annichilendo la Sharapova. Con i quarti raggiunti, la Pennetta almeno argina un po’ l’emorragia di punti che comunque ci sarà lunedì (quando usciranno le nuove classifiche Wta), dato che non è riuscita a difendere il titolo conquistato in California lo scorso anno.

La Lisicki se la vedrà ora in semifinale contro la Jankovic, che nel pomeriggio italiano aveva avuto la meglio della sorprendente qualificata Tsurenko, costretta tra l’altro ad alzare bandiera bianca e ritirarsi sul 6-1 4-1 comunque della serba. L’altra semifinale vedrà invece in campo la favorita numero 1, Serena Williams (al rientro ad Indian Wells dopo 14 anni di assenza per un caso di razzismo di cui fu vittima sui campi californiani quando era poco più di una ragazzina), opposta alla rumena Simona Halep, numero 3 del mondo.

Pennetta

Djokovic, senza giocare (Tomis si è ritirato), è in semifinale ad Indian Wells

In campo maschile si registrano ieri invece i successi di Novak Djokovic (1), che non ha dovuto nemmeno giocare approfittando del ritiro dell’australiano Tomic, costretto a dare forfait per mal di schiena e problemi ad un dente del giudizio, e Andy Murray, che in due rapidi set (6-3 6-4) ha superato la rivelazione spagnola Feliciano Lopez.

Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020

Il programma del torneo combined di Indian Wells di oggi prevede le semifinali in campo femminile (che saranno trasmesse in diretta tv su Supertennis) e i quarti della parte bassa del tabellone maschile, visibili su Sky, con protagonisti Roger Federer (2), opposto all’ostico ceco Berdych (9), e Rafael Nadal (3), apparso finalmente in buone condizioni), contro il bombardiere canadese Milos Raonic (6).

Nel doppio maschile da registrare pero le buone notizie che arrivano, con l’approdo in finale della coppia azzurra Bolelli-Fognini, freschi vincitori dell’Australian Open, che si sono sbarazzati delle teste di serie numero 2 del torneo, il croato Dodig e il brasiliano Melo, in due set: 6-4 6-3. E’ la prima finale maschile di una coppia italiana in un torneo di così grande prestigio come quello californiano.

Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020

Ecco il programma di oggi:

Federer (2) vs Berdych (9) ore 20 italiane

Nadal (3) vs Raonic (6) non prima delle 22 italiane

Jankovic (18) vs Lisicki (24) non prima delle 2 italiane

Williams (1) vs Halep (3) non prima delle 4 italiane.

  •   
  •  
  •  
  •