Challenger Vercelli, Quinzi al secondo turno

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Ok anche Volandri, Napolitano, Cecchinato, Caruso e Marcora. Ko Giacalone e Mager

Come a Napoli, il torneo challenger di Vercelli (terra rossa) sorride all’Italia. A cominciare dal maggiore prospetto del nostro tennis, Gianluigi Quinzi. Il marchigiano, classe 1996 (19 anni compiuti il 1° febbraio), si è sbarazzato all’esordio della testa di serie numero 3 del tabellone, Igo Sijsling, n. 129 Atp ma ex n. 52. L’olandese, in evidente calo di rendimento e lontano dalla sua superficie preferita, che è il cemento, si è arreso al più giovane avversario in due set, con lo score finale di 6-2 7-5 in 1 ora e 19 minuti di gioco. Solido col rovescio, pungente col dritto e anche buone percentuali al servizio hanno permesso a Quinzi di portare a casa l’incontro anche con una certa facilità e confermare il buono stato di forma dopo i quarti di finale raggiunti a Napoli due settimane fa.

Al secondo turno se la vedrà con un altro azzurro, Salvatore Caruso. classe 1992, che nel pomeriggio odierno ha superato sempre in due set il qualificato Antonio Sancic, n. 570 Atp, col punteggio di 7-6 (4) 6-1 in 1 ora e 27 minuti di partita. Match in cui Quinzi parte favorito.

Altro secondo turno tutto italiano sarà quello tra Marco Cecchinato e Stefano Napolitano. Il primo si è imposto sul 32enne francese Balleret, proveniente dalle qualificazioni, con lo score finale di 6-2 6-1 in 55 minuti di partita. Partita praticamente dominata dal palermitano, che dovrà sudare probabilmente di più contro Napolitano, che invece ha avuto la meglio, in una battaglia ben più complicata, dello spagnolo Cervantes, n. 214 Atp, in tre set. 6-7 (1) 6-4 6-3 il punteggio finale in rimonta dell’azzurro classe 1995.

Avanza anche il non più giovanissimo Filippo Volandri. Il tennista toscano, ex top 50 e grande protagonista sulla terra rossa, approda al secondo turno a Vercelli eliminando all’esordio il qualificato svizzero Marti in 1 ora e 29 minuti di partita per 7-5 6-3. Filo se la vedrà contro il vincente della sfida tra Coppejans e Podlipnik-Castillo. Al secondo turno senza intoppi anche Roberto Marcora, che in apertura di giornata, sul centrale, ha passeggiato sull’ucraino Molchanov, domandolo per 6-2 6-3 in poco più di 1 ora di gioco. Troverà il givoane promettentissimo britannico Edmund.

Escono invece di scena Gianluca Mager (2-6 1-6 dall’esperto spagnolo Ramirez Hidalgo, n. 198 Atp) e Omar Giacalone (3-6 1-6 da Basic, n. 188 Atp).

Domani si torna in campo a Vercelli. Dando uno sguardo al programma e agli incontri degli italiani, apre ancora sul centrale, alle ore 12.00, Marcora, opposto, come detto, ad Edmund. Non prima delle 16.00 in campo anche Viola, nel suo match di secondo turno con Veic.

  •   
  •  
  •  
  •