Tabellone ATP Montecarlo: Nadal dalla parte di Djokovic

Pubblicato il autore: Matteo Agostini Segui

tabellone montecarlo
Con il terzo Master 1000 della stagione a Montecarlo si aprirà quest’oggi la grande stagione sul rosso. Almeno tre i principali motivi d’interesse: innanzitutto la conferma di Djokovic, il quale sta viaggiando a ritmi paragonabili finora a quelli del 2011, suo anno d’oro, avendo fatto piazza pulita dei tornei più importanti (Australian Open, Master 1000 a Indian Wells e a Miami) e che punterà naturalmente all’unico Slam che ancora gli manca e che gli è più di una volta sfuggito sul più bello, quello parigino (che possa magari lanciarlo verso l’impresa Grande Slam nell’anno solare?). Gran parte dell’attesa è ovviamente per Nadal, chiamato a tornare a suoi livelli dopo una prima parte di stagione anonima. Dopo l’ennesimo stop, il maiorchino cercherà l’ennesima risalita (secondo quello che è ormai una sorta di schema ricorrente nella sua carriera), anche se quest’anno le sensazioni, anche in virtù delle dichiarazioni rilasciate più volte dallo stesso Nadal, sembrano meno confortanti. In terzo luogo, c’è la “mina vagante” Federer; lo svizzero non è più protagonista assoluto ma è sempre lì, saldamente secondo nel ranking, e potrebbe tentare l’assalto a uno dei due Master 1000 che ancora gli mancano, e togliersi dunque nuove soddisfazioni sulla superficie che gradisce meno, prima di quello che sarà verosimilmente il suo grande obiettivo della stagione, tornare a conquistare Wimbledon.
Venendo al tabellone, occorre osservare che il sorteggio ha decisamente favorito proprio lo svizzero e messo dallo stesso lato Nadal e Djokovic. Il n. 1 del mondo potrebbe avere un cammino non semplicissimo (prima Almagro, poi Tomic o Gulbis) prima dell’eventuale quarto di finale con Marin Cilic (che dovrà prima vedersela con Tsonga). Nadal invece, prima di trovare ai quarti un David Ferrer tornato ad alti livelli (oppure Gilles Simon), potrebbe incrociare l’insidia Isner al terzo turno.
Nella parte bassa un quarto di finale dovrebbe vedere opposti Raonic e Berdych, mentre l’altro potrebbe essere una riedizione della finale dello scorso anno, il derby svizzero Wawrinka-Federer. Per il n. 2 del mondo si prospetta un secondo turno non scontato con Jeremy Chardy, che lo scorso anno lo eliminò al Foro Italico, e poi un terzo con Monfils o Dolgopolov. Senza dubbio tuttavia le sue possibilità di conquistare la finale sono più concrete, specie se si considera che la condizione di Wawrinka, campione uscente, non sembra più essere quella eccezionale di un anno fa.
Gli italiani in tabellone sono tre. Simone Bolelli è nella parte alta, e se vincesse il confronto di primo turno con Estrella-Burgos troverebbe David Ferrer. Andreas Seppi, nella parte bassa, si trova nella porzione di Raonic. Prima di pensare di arrivare al canadese, ci sarà un apertissimo primo turno con Robredo, poi eventualmente un avversario più abbordabile, ossia uno tra Mannarino e Granollers. A Fabio Fognini, infine, sembra essere toccato il sorteggio peggiore: esordirà con Janowicz, poi uno tra Dimitrov e Verdasco, prima di un eventuale terzo turno con Wawrinka.

Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020
  •   
  •  
  •  
  •