Tennis, challenger Napoli: avanza la new age italiana

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Donati batte Arnaboldi e vola in semifinale a Napoli, Quinzi si arrende ai quarti a Cecchinato. Ok anche Fabbiano

Challenger Napoli

Donati, 20 anni, in semifinale alla Capri Watch Cup di Napoli

E’ una Napoli azzurra, tricolore, quella del tennis di questa settimana. Al torneo challenger di Napoli (106,500 dollari di montepremi + H), infatti, sono tre gli italiani in semifinale e, quindi, almeno uno tra questi andrà in finale. Grande sorpresa del torneo partenopeo arriva dai giovani tennisti made in Italy e, soprattutto, da Matteo Donati. L’alessandrino, 20 anni, giunto a Napoli grazie all’invito degli organizzatori campani (con una wild card), ha infatti superato ai quarti di finale, nel primo derby di giornata, praticamente in un campo pieno di tifosi, l’altro azzurro Arnaboldi. 7-6 (2) 4-6 7-6 (1) il risultato finale con cui il più giovane dei due italiani approda così in semifinale (tra l’altro farà best ranking personale prossima settimana), dove se la vedrà con Marco Cecchinato (8), che ha estromesso dal torneo l’altra wild card molto attesa sotto al Vesuvio, Gianluigi Quinzi (campione Wimbledon juniores). Il siciliano, in una vera e propria battaglia sportiva, ha infatti avuto la meglio sul più giovane tennista marchigiano con lo score finale di 6-7 (5) 6-2 7-6 (4) dopo 2 ore e 26 minuti di gioco. Quinzi, che praticamente è stato in vantaggio per quasi tutto il corso del match, è mancato nei momenti salienti, a vantaggio del 23enne Cecchinato, che ha fatto valere dunque la sua maggiore esperienza. Per Quinzi resta comunque un ottimo torneo, che finalmente lo riporta in su in classifica e gli dà nuova linfa per cercare di guadagnare ulteriori posizioni nel ranking Atp.

challenger napoli

Quinzi esce ai quarti di finale al torneo challenger di Napoli

Nell’altra semifinale si scontreranno lo spagnolo Daniel Munoz-De La Nava, che nel derby tutto iberico ha battuto in due rapidi set Ruben Ramirez Hidalgo per 6-4 6-0, e l’altro azzurro ancora superstite, Thomas Fabbiano. Fabbiano, arrivato in semifinale partendo dalle qualificazioni, si è infatti sbarazzato ai quarti della minaccia georgiana Basilashvili, numero 137 Atp, col punteggio di 6-1 5-7 6-2 in 2 ore e 14 minuti di gioco. Continua dunque il momento magico del pugliese, giunto, con questa vittoria, al 20esimo successo consecutivo (in precedenza ha conquistato tre titoli consecutivi a livello futures).

Domani in programma entrambe le semifinali del challenger di Napoli (Capri Watch Cup). Apriranno, non prima delle 12.00, Donati (WC) e Cecchinato (8), a seguire Fabbiano (q) contro Munoz-De La Nava. Ovviamente i tifosi napoletani sperano in una finale tutta italiana, e chissà che i nostri portacolori non riescano a soddisfare le aspettative del nutrito pubblico partenopeo.

  •   
  •  
  •  
  •