Roland Garros 2015: Fognini avanti, fuori la Vinci

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui

Roland Garros 2015

ROLAND GARROS 2015Dopo Camila Giorgi e Flavia Pennetta, anche Fabio Fognini raggiunge il secondo turno del Roland Garros 2015, secondo slam stagionale. Niente da fare, invece, per Roberta Vinci, che aveva la possibilità di mettersi in bella mostra nel Philippe Chatrier ma che nulla ha potuto contro la numero 29 del torneo, e beniamina di casa, Alizé Cornet.

FOGNINI-ITO – Esordio molto convincente per il nostro tennista di punta, che dimostra una buona condizione psico-fisica contro il non certo irresistibile giapponese Tatsuma Ito, numero 108 delle classifiche mondiali e affrontato per la prima volta in carriera. Parte benissimo Fabio, che in un baleno si porta avanti 4-1. Il giapponese cerca una timida reazione migliorando al servizio e, sul 5-3 per il sanremese, sfiora la possibilità di rimettere in carreggiata il set avendo a disposizione ben tre palle break. Da questo momento in poi, però, Fognini è praticamente perfetto e riesce a chiudere senza particolari difficoltà il set sul 6-3. Sull’onda dell’entusiasmo, Fabio si aggiudica anche i primi due break del secondo set, issandosi nuovamente sul 3-0. Non si fa attendere, però, la risposta di Ito, che riesce a strappare la battuta all’italiano e recuperare sino al 3-2. E’ l’ultimo scatto per il giapponese, che poi crolla inesorabilmente sotto i colpi di Fognini, il quale non ha difficoltà a chiudere 6-2. Senza storia anche il terzo set, dove Ito riesce a tenere soltanto due volte il servizio, salvo poi cedere di schianto 6-2.

Fognini b. Ito 6-3, 6-2, 6-2

CORNET-VINCI – Incontro molto combattuto, almeno nei primi due set, quello tra Roberta Vinci e Alizé Cornet. L’inizio partita è all’insegna dei break, ottenuto dalle giocatrici nei primi tre servizi di gara. Al quarto gioco, invece, è brava la tarantina a portare a casa il primo game di battuta e portarsi avanti 3-1. E’ una Vinci che appare piuttosto in forma quella presente in campo nella prima frazione di gioco, reduce anche dal bel torneo disputato a Norimberga e perso soltanto in finale contro Karin Knapp, tanto da riuscire a salire sul 5-2 e procurarsi la possibilità di servire due volte per il set. La Cornet è brava a strapparle il primo, mentre non può nulla sul game di battuta successivo, che permette alla Vinci di portare a casa il primo set per 6-4. Il secondo set regala tantissime emozioni, con soltanto i primi due game che filano lisci seguendo l’ordine di battuta. Poi è ancora Roberta a conquistare il punto del 2-1 e a incanalare il match dalla sua parte. La Cornet però si sveglia d’incanto e conquista una serie di quattro giochi a zero che la fa issare sul 5-2. La Vinci però non si arrende, reagisce e recupera fino al 5-4 e servizio a favore. E proprio quando sembrava che la numero 42 potesse rimontare l’incontro, arriva il break decisivo che assegna il set alla francese e che si dimostra una vera e propria mazzata più psicologica che fisica per l’azzurra che, nel terzo e decisivo set, non riesce più a contrastare l’avversaria cedendo di colpo 6-1.

Cornet (29) b. Vinci 4-6, 6-4, 6-1

 

  •   
  •  
  •  
  •