Roland Garros donne: la finale sarà Williams Safarova

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Sarà Serena Williams contro Lucie Safarova la finale del Roland Garros 2015. Sabato 06 giugno, ore 15, saranno dunque l’americana e la ceca a giocarsi il titolo del secondo slam stagionale, per succedere a Maria Sharapova sul trono di Parigi. Le due tenniste arrivano però all’atto conclusivo del torneo con un percorso completamente diverso. Da una parte Serena Williams, che ha dovuto combattere praticamente in tutti i suoi match, finendo per cedere alle colleghe quasi sempre un set, tranne che ai quarti con la Errani e al primo turno. La numero uno del mondo ha rischiato anche di perdere in un paio d’occasioni, specie al terzo turno con Viktoria Azarenka e agli ottavi con Sloane Stephens, ma alla fine ha trovato sempre le energie per sopravvivere, tirarsi fuori dalle difficoltà e arrivare fino alla finale. Meno complesso il percorso di Lucie Safarova, che lungo il suo tragitto ha comunque affrontato tenniste di grande valore, come Garbine Muguruza, ma seppur non con una supremazia netta in campo, è sempre riuscita ad imporsi sulle avversarie, giocando un ottimo tennis che da lunedì la porterà per la prima volta in carriera, lei che al Roland Garros è testa di serie n. 13, nella top 10 della Wta. Per la ceca quella degli Open di Francia sarà anche la prima finale in una prova slam.

Leggi anche:  Tennis: la quarantena creativa del francese Roger-Vasselin (VIDEO)

Roland GarrosSafarova che è stata, in ordine cronologico, la prima a conquistare la finale sul Philippe Chatrier, dopo aver battuto in due set, con un doppio 7-5, in 1 ora e 52 minuti di partita, Ana Ivanovic (7).  Brava la bionda di Brno soprattutto a rientrare in corsa nel primo set, dopo un iniziale svantaggio di 4-1, riuscendo poi a recuperare il break di svantaggio grazie alle rotazioni del diritto mancino e al solido e preciso rovescio e impattando sul 5 pari. A quel punto arrivavano altri due game per la ceca, che sfruttava il black out della serba e si imponeva 7-5. Nel secondo set invece era la Safarova ad andare in vantaggio, procurandosi il break sull’1 a 1. Ma sul 5-3, quando serviva per il match, anche a causa di tre doppi falli finiva per cedere la battuta e questa volta era la Ivanovic a rientrare in corsa e pareggiare sul 5-5. Il braccino della Safarova sembrava essere tornato, lei che è famosa per aver perso partite che sembrava ormai aver chiuso, ma nel momento clou del match questa volta non si lasciava scappare l’occasione e, dopo aver ribreakkato la Ivanovic a 30, chiudeva al quarto match point utile con un diritto vincente.

Roland Garros

La sofferenza di Serena Williams, che recupera contro la Bacsinszky e ritrova la finale al Roland Garros

Complicata anche la vittoria di Serena Williams nel tardo pomeriggio su Timea Bacsinszky, n. 23 del seeding. Score finale 4-6 6-3 6-1 in 1 ora e 55 minuti di partita per l’americana, che dopo aver perso il primo set, costretta, suo malgrado, sempre a rincorrere la più giovane collega, è salita di livello, limitando gli errori non forzati e mettendo sul campo la reale differenza tecnica e fisica nei confronti della più minuta elvetica, che a quel punto, dopo aver perso il secondo parziale, pur essendo stata in vantaggio di un break (3-2) cedeva di schianto sotto i vincenti della numero uno al mondo, che chiudeva al secondo match point conquistando ben 10 games di fila.

Leggi anche:  Tennis: la quarantena creativa del francese Roger-Vasselin (VIDEO)

RISULTATI ROLAND GARROS 04 GIUGNO – SEMIFINALI FEMMINILI: Safarova (13) – Ivanovic (7) 7-5 7-5; S. Williams (1) – Bacsinszky (23) 4-6 6-3 6-1.

PROGRAMMA ROLAND GARROS 05 GIUGNO: domani in campo, a partire dalle ore 13.00, le due semifinali maschili. Aprono sul Philippe Chatrier Wawrinka e Tsonga, il francese che vuole far felice i suoi tifosi, che attendono un finalista al Roland Garros dai tempi di Henri Leconte, nel 1988, che perse contro Mats Wilander. A seguire Djokovic cercherà di rispettare i favori del pronostico contro Andy Murray, dopo aver dato una lezione di gioco in tre set a Nadal.

  •   
  •  
  •  
  •