Wimbledon, precedenti e statistiche sulle semifinali. Si accettano sorprese

Pubblicato il autore: Valerio Nisi Segui

federerMurray

WIMBLEDON – Il riposo dei guerrieri, prima di una grande battaglia. Oggi Wimbledon si ferma, almeno per gli uomini. Dopo i quarti di finale giocati ieri gli ultimi quattro rimasti in tabellone si concentrano al meglio per recuperare le forze in vista delle semifinali di domani. Non saranno i “Fab Four“, termine così caro ogni volta che in Inghilterra un quartetto fa qualcosa di eccezionale. Non lo saranno perché uno dei quattro ha scombinato le carte in tavola. Richard Gasquet battendo Stan Wawrinka, ha infatto rovinato i pronostici dei bookmakers e anche dei tifosi. Il numero 20 al mondo domani se la vedrà con Novak Djokovic. Cercherà in tutti i modi di continuare il suo magic moment. Non sarà facile contro il numero 1 che, sebbene sia apparso un po’ più in difficoltà rispetto alla norma, mantiene una solidità disarmante. I precedenti sono nettamente a favore di Nole. Nei 12 confronti disputati tra il serbo e il francese, quest’ultimo ha vinto solo una volta, otto anni fa nel Masters Cup sempre nel Regno Unito. Poi è stato sempre dominio Nole. Gli ultimi 9 incontri, dal 2010 fino al Roland Garros della stagione in corso sono tutti a favore del serbo, che sa di essere strafavorito anche domani, nonostante mantenga le distanze nelle sue dichiarazioni come è giusto che sia: “Richard ama giocare sull’erba, è uno dei giocatori di maggior talento“.

FEDERER vs MURRAY – Sarà una finale anticipata l’altra sfida di Wimbledon. Roger Federer incontrerà Andy Murray, padrone di casa a Church Road. Sarà la sfida del secondo contro il terzo. Decisamente molto più equilibrata nei precedenti rispetto a Djokovic-Gasquet. Nei 23 precedenti infatti Federer conduce per 12 a 11 su Murray. Ma sull’erba sono 1 pari. Curioso infatti che i due si siano sfidati ben 21 volte sul cemento e appena due sull’erba. Tutto nel 2012. In finale proprio a Wimbledon e un mese dopo in finale alle Olimpiadi di Londra. La sorte ha sorriso allo svizzero la prima volta, facendo prendere la rivincita allo scozzese nel giro di niente. Murray non batte Federer da due anni, dalla semifinale degli Australian Open del 2013. Gli ultimi tre match se li è aggiudicati proprio lo svizzero, e tutti nel 2014. Australian Open nei quarti di finale, sempre i quarti nel Master di Cincinnati, e la vittoria nel Masters Cup. Tutto in bilico quindi. Tutto da vedere. Wimbledon regala sempre fortissime emozioni. Wimbledon è Lo Slam.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: