ATP Cincinnati: Federer e Djokovic, la finale più attesa

Pubblicato il autore: Caterina Caparello Segui

ATP Cincinnati Federer

ATP Cincinnati: il sogno di Dolgopolov, alla fine, è andato in frantumi. Dopo un mirabolante match fatto di palle corte e colpi imprendibili, l’ucraino cede al numero 1 del mondo, Novak Djokovic, che si aggiudica la vittoria in tre set: 4-6 7-6(5) 6-2, in 2 ore e 20 minuti di gioco.

Novak ha messo a segno: 8 aces, 6 doppi falli, il 64% di punti con la prima e 5-8 palle break salvate, inoltre, durante il primo set, il serbo ha richiesto l’aiuto del medico e del fisioterapista per un dolore allo stomaco. «Non sono molto soddisfatto su come ho giocato – ha dichiarato Djokovic nel post partita –, ma una vittoria è una vittoria. Sono riuscito a fare quello che andava fatto, poiché ho sempre combattuto e non mi sono mai arreso».

«Djokovic ha gestito benissimo i punti importanti – ha detto uno stanco, ma fantastico Dolgopolov ai microfoni –, bisogna provare a batterlo e correre il rischio. Ho veramente creduto di poter vincere e il mio gioco può batterlo. La complicanza è arrivata per situazioni strane. Oggi ho imparato ad essere più convinto e più forte con il mio gioco. Anche se non sono al 100% contento del mio gioco di oggi, sapevo che avrei potuto vincere».

Secondo finalista è Roger Federer che, in 1 ora e 37 minuti di gioco, ha battuto Andy Murray 6-4 7-6(6). Lo svizzero ha ottenuto: 4 aces, 2 doppi falli il 77% dei punti vinti con la prima e 1-4 palle break vinte. Quattordicesima vittoria di Federer sullo scozzese: Bangkok 2005, US Open 2008, Cincinnati 2009, ATP Finals 2009, Autralian Open 2010, ATP Finals 2010, Dubai 2012, Wimbledon 2012, ATP Finals 2012, Australian Open 2014, Cincinnati 2014, ATP Finals 2014 e Wimbledon 2015 per Federer.

«Sarebbe bellissimo vincere un altro Master 1000, soprattutto qui a Cincinnati – ha dichiarato Federer –. È fantastico essere finalista perché arriva proprio in un momento perfetto. Mi sono allenato molto e sono ben lontano dal mio gioco di Wimbledon. Domani darò tutto e so che sarà dura, non potevo chiedere un avversario più forte di Novak».

«Mi sento bene – ha detto Murray, nonostante la sconfitta –, ho fatto bene a recuperare la forma fisica durante dei match difficili. Va bene così. La cosa positiva dell’aver perso oggi è che ho l’opportunità di avere qualche giorno extra per riposare, mi serve».

Federer e Djokovic si scontreranno per la quarantunesima volta, inoltre si trovano in un momento di perfetta parità nei testa a testa: 20-20.

Stasera la finale inizierà alle ore 19.00 (ora italiana) e potrà essere seguita in diretta su Sky Sport oppure in streaming su SkyGo e sui siti ufficiali ATP e Cincinnati Open.

ATP Cincinnati risultati semifinale: N. Djokovic b. A. Dolgopolov 4-6 7-6 6-2, R. Federer b. A. Murray 6-4 7-6.

  •   
  •  
  •  
  •