Us Open. Finale Djokovic-Federer, precedenti in assoluto equilibrio

Pubblicato il autore: Valerio Nisi Segui

federer-djokovic2

US OPEN – Ci siamo. Poche ore ancora e poi si darà il via all’ultimo match in assoluto di questi Us Open 2015. Con gli occhi ancora pieni di soddisfazione per la storica impresa del tennis azzurro femminile, con la vittoria di Flavia Pennetta e l’argento per Roberta Vinci, ci prepariamo per assistere al meglio che il tennis maschile può offrire a livello mondiale. Per l’ennesima volta in finale si troveranno l’uno di fronte all’altro il numero uno contro il numero due, Novak Djokovic contro Roger Federer. E mai come questa volta il pronostico rimane incerto. Nole è la solita roccia. Anche nei momenti di difficoltà in questi Us Open è riuscito ad isolarsi dal mondo circostante e pensare solo a giocare. Roger, che dire di lui. Non si ricordava un Roger così sicuro di sé da anni, per sua stessa ammissione probabilmente è nel miglior periodo di forma di sempre. Quindi non avremo che da lustrarci gli occhi e sistemare per bene i cuscini sul divano. La partita inizierà alle 22 italiane, e probabilmente si farà notte.

Immaginate un equilibrista su un cavo teso tra due grattacieli newyorkesi. Pensate all’asta che tiene in orizzontale per non cadere giù, per mantenere l’equilibrio appunto. Bene, ai lati estremi di quell’asta ci sono proprio Roger e Nole. Difficilmente gli scontri tra due tennisti sono così bilanciati come quelli tra lo svizzero e il serbo. Fino ad ora si sono incontrati 41 volte in totale. Leggero, impercettibile vantaggio per Federer. Uno di quei vantaggi che fanno sollevare l’asta dalla tua parte ma che al prossimo passo tutto rischia di tornare come prima. Lo svizzero ha vinto 21 dei 41 match sinora disputati contro il numero uno al mondo. 31 le volte in cui i due si sono dati battaglia sul cemento e ancora una volta è Roger a condurre di un’inezia. Il 34enne di Basilea conduce per 16 vittorie contro le 15 di Nole. L’ultimo incontro tra i due è stato appena il mese scorso, in finale al Masters di Cincinnati. Da questo incontro dipende il leggero vantaggio di Federer. E’ stato lo svizzero infatti ad aggiudicarsi quella partita, a far pendere l’asta leggermente dalla sua parte.

FINALI AL 39% – C’è un dato che mette i brividi. Djokovic e Federer si sono incontrati ben 16 volte in finale, vale a dire il 39% del totale dei match disputati. 13 volte sul cemento, superficie evidentemente cara ad entrambi. E in questo caso è il serbo a sorpassare lo svizzero di una lunghezza. Nole infatti ha vinto 7 delle 13 finali disputate sul cemento contro Roger. Una sola la volta in finale contro agli Us Open, nel 2007, e in quella edizione fu invece lo svizzero ad avere la meglio. Per il resto sui campi di Flushing Meadows si sono incontrati altre 4 volte, sempre in semifinale. E il dato anche qui è in assoluto equilibrio, 2 volte ha vinto il serbo nel 2010 e nel 2011, mentre Federer ha trionfato nei due anni precedenti. Il 2011 è l’ultimo anno in cui i due hanno incrociato le racchette agli Us Open. Dopo quattro anni si ritrovano sempre qui, forse più forti che mai, a decidere ancora una volta se far pendere l’asta o mantenerla in equilibrio. Noi siamo tranquilli, perché comunque sarà uno spettacolo.

  •   
  •  
  •  
  •