Us Open. Intervista a Flavia Pennetta: “Finisco la stagione e mi ritiro, non mi va più di competere”

Pubblicato il autore: Valerio Nisi Segui

pennetta

US OPEN – E’ Flavia Pennetta la regina degli Us Open. La brindisina vince in finale per due a zero contro la tarantina Roberta Vinci, l’undicesimo titolo della carriera, il più importante, il primo Slam. E sarà l’ultimo. Si perché Flavia durante la premiazione ha dichiarato che si ritirerà. “Tutti i giocatori desiderano ritirarsi in bellezza, con una vittoria così importante. Io lo avevo già deciso un mese prima dell’inizio degli Us Open, finisco la stagione e poi smetto. Riesco ad allenarmi senza problemi, ma quando arriva il momento di competere non sento più la passione“. Una dichiarazione shock, inaspettata, proprio come questa finale, proprio come questa vittoria. Flavia non nasconde l’immensa soddisfazione per questo traguardo. “Sono felicissima, non avrei mai pensato di poter vincere qui. Ringrazio tutti, il pubblico su tutti. E’ un sogno che si avvera. E’ stato bellissimo giocare contro Roberta, siamo amiche da tanti anni, forse la prima volta che ci siamo incontrate avevamo 9 anni, potremmo scrivere un libro“.

Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020

Grande torneo anche per Roberta Vinci, che si è dovuta arrendere alla Pennetta dopo il match strepitoso giocato appena ieri contro Serena Williams in questi Us Open. “In 24 ore mi sono passate tante cose in mente, adesso sono contenta per Flavia. E poi, ho perso in finale agli Us Open – dice con il sorriso la ragazza che ha conquistato New York – anche se ci conosciamo da tanti anni è difficile giocare contro Flavia, oggi lo è stato in particolare. Ha giocato alla grande e non posso che congratularmi con lei. Un saluto particolare al pubblico, ci vediamo l’anno prossimo“.

Flavia ci ha regalato un’immagine, se l’è regalata. E sarà indelebile. Una racchetta lanciata nel cielo nuvoloso di New York, un urlo, un lungo abbraccio al centro del campo, un altro nel suo angolo, un bacio a Fognini. Uno Slam. L’unico, l’ultimo, il più importante. Grazie Flavia.

  •   
  •  
  •  
  •