Flavia Pennetta conferma il suo addio

Pubblicato il autore: Claudia Raponi Segui

Flavia Pennetta

Durante il WTA Pechino Open 2015 Flavia Pennetta è stata battuta 3-6 6-4 6-3 dalla Pavlyuchenkova, ma resta in corsa per i Finals di Singapore. È proprio al termine del match che la vincitrice degli US Open ha nuovamente confermato le sue intenzioni a voler lasciare il tennis: “Non cambierà nulla se andrò a Singapore o no, la mia carriera terminerà comunque. Ovviamente, sarebbe bello andare a Singapore. Se ce la faccio bene, altrimenti andrò in vacanza”. Già dopo la vittoria di settembre nel Grande Slam la tennista brindisina aveva annunciato la decisione di ritirarsi a fine stagione, creando molto scalpore e delusione tra i suoi fan. Dopo tanto dibattere arriva la conferma. Di certo Flavia non poteva scegliere stagione migliore – al di là del risultato di ieri a Pechino – per lasciare il tennis visti i risultati ottenuti. Infatti, grazie agli ultimi successi la Pennetta è riuscita a scalare sempre di più le posizioni nel Ranking, attualmente è settima, ma ricordiamo che il 28 settembre 2015 è riuscita anche se per poco a migliorare la sua posizione nella classifica mondiale di sempre, scalando in sesta posizione. Entra così tra i migliori tennisti nella storia italiana: Adriano Panatta (numero 4 il 24 agosto 1976), Francesca Schiavone (numero 4 il 31 gennaio 2011) e Sara Errani (numero 5 il 20 maggio 2013). Inoltre, bisogna ricordare che Flavia Pennetta è stata la seconda italiana di sempre (dopo Francesca Schiavone) ad aggiudicarsi un torneo del Grande Slam, battendo in finale la connazionale Roberta Vinci e diventando, all’età di 33 anni, la tennista più anziana nella storia del tennis mondiale ad essersi aggiudicata per la prima volta in carriera uno Slam.
A quanto pare sembra inutile sperare di vedere le giocate della numero 7 del mondo nelle Olimpiadi di Rio de Janeiro di questa estate, perché stando sempre alle sue dichiarazioni al 90% non vi parteciperà. A questo punto non ci resta che sperare che faccia delle buone prestazioni durante i Monsters e che ci stupisca con la sua bravura, cancellando la sconfitta a Pechino e concludendo in bellezza la sua carriera.

  •   
  •  
  •  
  •