Pennetta perentoria: “Mi ritiro, non cambierò idea, non chiedetemelo più”

Pubblicato il autore: Valeria Rosa Segui

Pennetta

Le WTA Finals di Singapore saranno davvero l’ultima occasione per vedere Flavia Pennetta in campo, impegnata in un match ufficiale. È lei stessa a ribadirlo durante la conferenza stampa del WTA Premier di Mosca, indetta per annunciare il suo ritiro dal torneo. Nella giornata di ieri la brindisina aveva vinto un importante match contro Daria Gavrilova giocando un ottimo tennis.
Il forfait arriva a causa di una fastidiosa vescica sotto al piede destro, e ad uno stato influenzale che negli ultimi giorni non le ha permesso di essere al top. Condizioni che, se non curate al meglio, potrebbero compromettere la sua partecipazione a quello che sarà l’ultimo atto della sua carriera.

Lei, che alle WTA Finals ci era arrivata (vincendole) solo in doppio con Gisela Dulko e più volte le aveva solo sfiorate in sigolare, è scesa in campo contro la russa senza sapere che vincere quel match sarebbe stato sufficiente per avere la certezza di essersi qualificata: “Non sapevo come funzionasse il conteggio dei punti – ha dichiarato Flavia -. Ho giocato sapendo solo di dover andare avanti il più possibile nel torneo“. Ora invece potrà provare quel gusto immenso di trovarsi in cima al mondo e di vivere il sogno di ogni tennista.
In attesa di scoprire chi sarà l’ottava giocatrice, oltre all’azzurra, le qualificate che si contenderanno il titolo di regina del tennis del 2015 saranno Maria Sharapova, Simona Halep, Petra Kvitova, Agnieszka Radwanska, Garbiñe Muguruza e Lucie Safarova.

Leggi anche:  Nadal risponde alla polemica di Pella: "Ci sono sempre lamentele quando si ha uno svantaggio, ma quando uno ha un vantaggio non si lamenta mai"

Riguardo al ritiro dalle competizioni, nonostante si trovi alla settima posizione del ranking mondiale, la tennista pugliese è stata perentoria.
Le WTA Finals saranno il mio ultimo torneo, poi basta così. Non chiedetemi più se ho deciso di continuare. Questa è la conclusione perfetta di una carriera perfetta.
La determinazione ha sempre caratterizzato il percorso tennistico della Pennetta, che, anche a Singapore, dovrà giocarsi questa preziosa carta: “Cercherò di non farmi prendere dall’emozione e dalla malinconia. Mi godrò ogni partita provando a dare il meglio“. I progretti per il suo futuro lontano dal tennis sono numerosi. Il matrimonio con Fabio Fognini, il desiderio di diventare mamma, i tanti nuovi obiettivi che si è posta Flavia, sottolineano che accettare e vivere le sfide della vita fa parte del suo DNA e che la grinta che ha sempre impiegato all’interno del campo da gioco, sarà tale anche fuori.

  •   
  •  
  •  
  •