Pennetta ritiro: il video del suo ultimo match e di New York

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

Pennetta ritiroPENNETTA RITIRO – E’ alla fine è arrivato. Il 29 ottobre del 2015 sarà ricordato come il giorno del ritiro di Flavia Pennetta dal mondo del tennis professionistico. La brindisina, dopo più di 15 stagioni sul circuito Wta, in giro per il mondo, con all’attivo 11 tornei vinti (il più importante ovviamente Flushing Meadows), ha appeso le scarpe al chiodo, dopo la sconfitta con Maria Sharapova al Master di fine anno di Singapore. Flavia lascia nell’anno in cui ha vinto il titolo più importante della sua vita, gli Us Open. Una cavalcata trionfale incredibile a New York, e poi quella finale tutta italiana con l’amica e collega dall’infanzia Roberta Vinci. Nel 2014 Indian Wells. E due volte Acapulco (2005, 2008), una volta Bogotà (2005), Palermo (2009), Bangkok (2007), la Cachantum Cup (2008) l’Idea Prokom Open (2004) e Los Angeles (2009). Marbella, nel 2010, l’ultimo titolo prima della seconda, vincente, carriera dopo l’infortunio al polso che sembrava aver messo fine in anticipo alla sua storia tennistica. Il cambio di allenatore, la storia travagliata con Moya, poi Fognini, la voglia di maternità, la prima italiana ad entrare in top 10, le 4 Fed Cup vinte con la maglia della Nazionale italiana.

Leggi anche:  Tennis: Filippo Volandri nominato capitano azzurro di Coppa Davis

Flavia Pennetta ha fatto la storia del tennis italiano e non solo. Mancherà a tanti, mancherà soprattutto nel circuito e sarà strano non leggere più il suo nome nei tabelloni dei tornei più importanti. Soprattutto mancherà il suo rovescio lungo linea, marchio di fabbrica della casa. “L’ultimo match? Ci ho pensato solo sul match-point quando mi sono detta ‘ok, è finita’ ” le sue parole alla fine del match con Sharapova “Sono felice di aver avuto la possibilità di giocare questo torneo. Penso che disputare l’ultima partita contro Maria, che è una giocatrice incredibile, una vera campionessa, è un buon modo per dire addio. Quando si perde contro una giocatrice così forte non ci sono troppe cose da dire. In questo momento non mi sento come se fosse la mia ultima partita. Mi sento normale. Non so perché. Forse tra pochi giorni mi sentirò diversa”.

Leggi anche:  Tennis: Filippo Volandri nominato capitano azzurro di Coppa Davis

PENNETTA RITIRO – Poi nel giorno del ritiro, Flavia si sofferma sulla sua carriera “Ho avuto tanti infortuni, tanti stop nella mia carriera. Ho dovuto riniziare molte volte dal nulla. Naturalmente è molto più facile quando sei più giovane, ma penso che è anche bello vedere che non importa quante volte cadi giù, si può sempre ritornare“. E cosa le mancherà di più del circuito? “Credo che mi mancheranno le altre giocatrici, che in un certo senso in questi anni sono state la mia famiglia. Ci conosciamo tutte da così tanto tempo. E non importa se con qualcuna parli o se sei più amica rispetto a qualcun altra, ogni settimana incroci le stesse facce, le stesse persone. Certo, alcune le rivedrò, ma non sarà la stessa cosa. Credo però che mi mancherà anche la competizione: quando entri in campo, soprattutto se è un centrale, provi qualcosa di davvero speciale. E non credo che proverò mai più qualcosa del genere. D’altro canto sono davvero felice di cominciare un’altra parte della mia vita“.

Leggi anche:  Tennis: Filippo Volandri nominato capitano azzurro di Coppa Davis

Il video dell’ultimo match di Flavia Pennetta con Sharapova al Master di Singapore nelle Wta finals:

Gli highlights della finale di New York con Roberta Vinci

  •   
  •  
  •  
  •