WTA Finals: la Radwanska estromette la Halep in due set

Pubblicato il autore: Valeria Rosa Segui

Radwanska WTA Finals
WTA FINALS SINGAPORE – È sempre il gruppo rosso a regalarci le emozioni più grandi. Mai colore fu più indovinato per indicare un girone così infuocato, all’interno del quale è impossibile fare calcoli, perché le giocatrici fin qui ci hanno sorpresi, sia in positivo, che in negativo. Il caso, quello di Agnieszka Radwanksa e Simona Halep, è proprio l’esempio adatto. La polacca ha battuto la rumena 7/6, 6/1 in un match dal doppio volto.
La prima, la “Maga Aga”, stagione sottotono e posizione non semplice nel torneo, è scesa in campo consapevole di essere la sfavorita dell’incontro, ma quando ha fiutato la crisi della rumena, che ha iniziato a concedere qualcosa, ha saputo approfittarne subito. La “Professoressa” (così le tenniste del tour chiamano la Radwanska) è salita in cattedra ed ha totalmente girato i pronostici. Doveva vincere in due set, e così è stato.
La seconda, testa di serie numero 1 nel Master e numero 2 del ranking WTA, non ha saputo sfruttare le occasioni che ha avuto sia in apertura di set che durante il tie break, cadendo poi in quel baratro che l’ha spinta mentalmente fuori dal campo. Forse ancora in balia dei problemi di fine stagione, la Halep ha gettato via un incontro che avrebbe dovuto vincere a tutti i costi per non lasciare la corsa al titolo di regina del tennis 2015.

Leggi anche:  Kyrgios sbotta contro Djokovic: "E' soltanto una marionetta". Accuse anche alla fidanzata di Tomic

Il primo parziale si è aperto con una Halep scatenata, che ha raggiunto subito il 3/1, ma che ha avuto 3 palle break che non ha saputo sfruttare. Con orgoglio la Radwanska ha pareggiato i conti, salendo molto con il servizio e migliorando qualche difetto con il diritto. Recuperato lo svantaggio, la polacca è stata la prima a guadagnarsi il tie-break. Qui la rumena è nuovamente partita in quinta. Sul 5/1, però, Aga ha giocato, e vinto, una serie di colpi strepitosi, tra i quali un paio di veroniche non semplici, ma eseguite in modo splendido. Con una serie di sei punti consecutivi, la tennista di Cracovia si è aggiudicata il primo set mettendo a segno un punto spettacolare, che per gli spettatori è valso il prezzo del biglietto.

Leggi anche:  Kyrgios sbotta contro Djokovic: "E' soltanto una marionetta". Accuse anche alla fidanzata di Tomic

Ed è stato proprio il modo in cui la Radwanska ha eroicamente vinto il parziale a gettare un’ombra sulla Halep. Nel secondo set, dopo aver tenuto a fatica il primo turno di servizio, per la rumena è sopraggiunta una rottura prolungata, mentre dall’altra parte della rete Agnieszka dimostrava quella sicurezza nei colpi che nelle stagioni precedenti l’avevano portata tra le prime 5 tenniste al mondo. Senza concedere occasioni di riscatto alla Halep, la Radwanska si è rapidamente portata sul 4/1. Probabilmente nella testa della tennista di Costanza si sono susseguite le immagini del primo parziale. Quei set point non sfruttati e il vantaggio al tie break polverizzato dalla polacca non le hanno permesso di concentrarsi al meglio per tornare in partita e in un attimo non si è trovata fuori solo dal campo, ma anche dalle WTA Finals.

Leggi anche:  Kyrgios sbotta contro Djokovic: "E' soltanto una marionetta". Accuse anche alla fidanzata di Tomic

Le ex n.2 al mondo ha quindi estromesso l’attuale n.2 del ranking dal Master, ed ha nuovamente stravolto lo scenario di queste finali di Singapore.
Mentre Maria Sharapova è ormai sicuramente qualificata alle fasi finali, Flavia Pennetta deve strappare un solo set alla russa. Se la brindisina non dovesse riuscire nell’impresa, a qualificarsi sarebbe proprio la Radwanska, che per tutta la durata del torneo è stata più fuori che dentro. La polacca ha raggiunto oggi la cinquecentesima vittoria in carriera ed è stata premiata a fine match.

  •   
  •  
  •  
  •