ATP World Tour Finals: tutti i numeri di Djokovic

Pubblicato il autore: Valeria Rosa

ATP World Tour Finals 2015
ATP WORLD TOUR FINALS 2015 – Il conto alla rovescia sta per terminare. Ancora poche ore e gli otto classificati alle ATP World Tour Finals si daranno battaglia sul campo veloce della O2 Arena di Londra.
I giocatori hanno avuto la possibilità di provare le condizioni di gioco che, a detta dei più esperti, saranno molto simili a quelle del Masters 1000 di Parigi Bercy, ultimo torneo disponibile per raccogliere i punti necessari alla qualificazione alle Finals.
Questa situazione potrebbe essere una motivazione ulteriore per dare il campione in carica Novak Djokovic come assoluto favorito del torneo.
Il serbo che chiuderà l’anno ricoprendo la prima posizione nel ranking ATP con la bellezza di 15.285 punti (quasi il doppio del n.2 Andy Murray) è stato il primo a classificarsi nella Race to London dopo aver vinto per il secondo anno di fila il torneo di Wimbledon.

ALIENO – Ad inizio stagione, durante il torneo di Doha, lo avevamo visto distrarsi per un tifoso travestito da robot sugli spalti e perdere ai quarti di finale contro Ivo Karlovic. La sensazione era che di quel torneo 250 a Djokovic non interessasse poi molto. I più maligni pensavano che quella sconfitta sarebbe stata di cattivo presagio per la stagione del serbo. Lui invece agli Australian Open è sceso in campo con la stessa fame di vittoria che lo aveva visto trionfare negli ultimi appuntamenti del 2014 ed è stato in grado di conquistare il primo Slam della stagione 2015.
Un mesetto dopo è giunta la seconda sconfitta dell’anno contro Roger Federer durante la finale dell’ATP 500 di Dubai. Ancora una volta il campione serbo non si è più di tanto scomposto ed in marzo ha fugato ogni dubbio (qualora ci fosse stato) conquistando la storica doppietta Indian Wells – Miami per la seconda volta in carriera. Il 2015 di Nole è preseguito con le vittorie al Montecarlo Rolex Masters e agli Internazionali d’Italia. La terza sconfitta, l’unica macchia nera di questa stagione ai limiti della perfezione, è arrivata nella finale del Roland Garros contro Stan Wawrinka.
Tutto il mondo era pronto a celebrare la prima vittoria del serbo al Grande Slam parigino, l’unico che ancora non è riuscito ad inserire del suo palmares stellare, ma lo svizzero quel giorno, in piena trance agonistica, ha cancellato tutte le speranze del serbo e dei suoi tifosi, costringendo il tennista di Belgrado a rinviare nuovamente l’appuntamento con la vittoria.
Dopo un periodo di vacanza Djokovic ha ripreso la sua attività sull’erba di Wimbledon, sulla quale la sua fame di rivincita lo ha portato a vincere per la seconda volta di fila il titolo, pur avendo rischiato di uscire dal torneo per mano di Kevin Anderson ai quarti di finale.
La quarta e la quinta sconfitta sono arrivate in finale ai Masters 1000 di Montréal e Cincinnati per mano di Andy Murray e Roger Federer. Due risultati che non hanno turbato molto il serbo, dato che lo scorso anno in entrambi i tornei era uscito praticamente subito.
Agli US Open è andata in scena l’ennesima dimostrazione della sua solidità e della sua supremazia sugli avversari. Nole ha conquistato così il terzo Grand Slam dell’anno.
Dominante è stata la sua presenza nei tornei asiatici. Djokovic ha vinto l’ATP 500 di Pechino battendo in finale un ritrovato Rafael Nadal e si è imposto su Andy Murray al Masters 1000 di Shanghai. All’inizio del mese di novembre il tennista serbo ha anche agguantato il sesto Masters 1000 della stagione, quello di Parigi Bercy, battendo nuovamente in finale lo scozzese.
I risultati di questo 2015 sono una valida motivazione per credere che sia proprio lui il favorito di queste ATP World Tour Finals. Con 78 vittorie e 5 sconfitte in tutto l’anno, Nole proverà a conquistare anche l’ultimo ambito titolo della stagione, prima di concedersi una meritata vacanza.

A detta dello stesso Djokovic il 2015 è stato un anno praticamente perfetto, che batte anche il 2011, anno in cui il serbo ha ottenuto una serie di record non indifferenti.
Anche il suo allenatore, Boris Becker, è convinto che il suo assistito sia nettamente superiore a qualsiasi altro giocatore attualmente in attività: “non ho mai visto nessun giocatore più forte di Djokovic”, ha ammesso il tedesco.
A questo punto non ci resta che attendere l’inizio delle ATP World Tour Finals per scoprire se i numeri della stagione daranno ragione a Becker.

  •   
  •  
  •  
  •