Federer a caccia dello Slam numero 18

Pubblicato il autore: Nello Simonetti

Atp finalsUn solo grande obiettivo in vista del nuovo anno: lo Slam numero 18. Roger Federer, ormai completamente ristabilitosi dopo l’infortunio, ha ben chiare le idee in vista del 2016. Il fuoriclasse svizzero, deciso a recitare ancora un ruolo da protagonista sul circuito mondiale nonostante la non più giovanissima età, ha affidato ai media australiani le sue impressioni in vista del nuovo anno, pur non parlando esplicitamente di obiettivi e di Slam numero 18, ma lasciando ampiamente intendere le sue intenzioni: “I problemi alla schiena sono ormai superati – ha dichiarato il campione – sto giocando bene da un anno e mezzo. Ora mi sento molto più sicuro rispetto ad un anno fa. Il 2015 – ha aggiunto Federer – è stato senza dubbio l’anno di Djokovic, ha giocato così bene che c’era poco da fare. Un peccato per me, ma allo stesso tempo non mi dispiace. Ho vinto così tanto in tutta la mia carriera, mi sento di continuare a spingere e poi vedremo quello che succederà, va bene così” In realtà, quel continuare a spingere del tennista elvetico ha un significato ben preciso, il prossimo Australian Open, dove conta di acciuffare quello Slam numero 18 a cui sta pensando molto di più rispetto a quanto voglia far credere. Nel frattempo, per dare un significato autentico alla svolta, Re Roger ha provveduto a cambiare qualcosa nello staff che lo accompagnerà durante la spedizione in Oceania. Ivan Ljubicic infatti, è la new entry del team dal quale sarà circondato durante il torneo. Sarà lui dunque ad affiancare, dopo aver lasciato Raonic, l’allenatore principale Severin Luthi. Insieme proveranno a guidare Federer verso il sogno della conquista dello Slam numero 18.
Dal canto suo, Raonic, ha già scelto il sostituto di Ljubicic, si tratta dello spagnolo Carlos Moya, che gli farà da consigliere durante il prossimo Australian Open, come da egli stesso annunciato. Altra curiosa considerazione, in vista del torneo, è relativa alla parte economica. Se Federer dovesse riuscire nell’impresa di confermare il titolo vinto nello scorso gennaio, oltre a conquistare il suo Slam numero 18, taglierebbe un altro importante traguardo: il superamento dei cento milioni di dollari in guadagni conquistati sul campo. Per il momento, lo svizzero è fermo (si fa per dire…) a quota 97,303,556 dollari, un vittoria in Oceania lo spingerebbe dritto nella storia. Un’ipotesi, anche questa, che stuzzica non poco il campione, non tanto per ragioni strettamente economiche, quanto per la possibilità di tagliare un traguardo davvero prestigioso. Federer sarà la prima testa di serie del seeding. Dopo il bye al primo turno, il suo esordio avverrà, con ogni probabilità, il giorno dell’Epifania, con la wild card australiana Mitchell o un qualificato. Ai quarti possibile sfida con Simon che al primo turno sarà opposto a Dimitrov, finalista a Brisbane nel 2013. Un turno non semplicissimo per il francese, dal momento che Dimitrov vorrà riscattare un 2015 incolore con un nuovo anno di tutt’altro tenore. Il sipario sta quindi per alzarsi, la sfida per lo Slam numero 18 sta per partire. Roger Federer pronto a scrivere un altro pezzo di storia e ad arricchire una carriera già straordinaria…

Leggi anche:  Sonego-Bublik, dove vedere finale Atp Metz 2022 LIVE oggi: diretta TV, streaming e orario
  •   
  •  
  •  
  •