Sport e combine, il tennis supera il calcio: 73 incontri segnalati nel 2015

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Grafico tratto da @ESSAQ4 Integrity Report

Grafico tratto da @ESSAQ4 Integrity Report

Nell’immaginario collettivo, complice il risalto mediatico, il calcio è lo sport più soggetto a combine ed accordi sottobanco. Tanto che il termine «calcioscommesse» ha ormai assunto una valenza negativa. Ma i dati diffusi dalla ESSA (European Sport Security Association), associazione no profit che riunisce e tutela alcuni dei principali bookmaker europei per prevenire possibili tentativi di corruzione nel mercato delle scommesse sportive, disegnano un altro quadro: il tennis resta lo sport più a rischio combine.

Il quadro emerge dall’ultimo report pubblicato dall’associazione – ESSA Q4 2015 Integrity Report, presentato lo scorso 18febbraio a Bruxelles – che conferma l’inclinazione ai match combinati nel mondo del tennis. Nel 2015, infatti, le segnalazioni di match tennistici sospetti per flusso anomalo di gioco sono state 73 su un totale di 100 (24 nell’ultimo trimestre) con un trend di crescita nell’ultimo periodo dell’anno. Due delle gare segnalate sono relative a match disputati in Italia. A grande distanza il calcio, che registra 19 casi segnalati in tutto il 2015, 8 nell’ultimo trimestre 2015.

Il Paese che registra il più alto numero di segnalazioni è la Turchia con 8 incontri tennistici e due match di calcio; il Regno Unito è quello con la maggiore “varietà”: due corse di cani, una gara di tennis e una di biliardo. In assoluto, nel 2015 le maggiori segnalazioni riguardano eventi sportivi disputati in Europa (38), a seguire Asia (24), Nord America (16), Sud America (11) e Africa (9) mentre in due segnalazioni non è stata indicata l’area geografica di provenienza, anche se in entrambi i casi si tratta di incontri di tennis. Gli eventi, come prevede la procedura, vengono segnalati dall’ESSA alle autorità sportive per l’apertura di ulteriori e eventuali indagini.

  •   
  •  
  •  
  •