WTA Miami: Azarenka e Kerber in semifinale, si ripete la sfida!

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

WTA Miami
Victoria Azarenka si qualifica per la semifinale del torneo WTA Miami: la bielorussa supera la britannica Johanna Konta con un netto 6-4 6-2, e continua il suo cammino verso il terzo titolo personale al WTA Miami. In semifinale affronterà la tedesca Angelique Kerber, come è già successo ai quarti di finale degli ultimi Australian Open.
La Kerber si aggiudica il posto tra le prime quattro del torneo battendo ai quarti l’americana Keys. Risultato finale: 6-3 6-2.

Victoria Azarenka è la tennista del momento: ha iniziato la stagione al 22esimo posto nel ranking mondiale, con i recenti risultati è già salita alla tredicesima posizione. Per gli esperti del settore, solo la bielorussa può contrastare il predominio di Serena Williams, anche se le ultime prestazioni dell’americana non sono eccelse.
Dopo due anni burrascosi, pieni di infortuni e con problemi personali che hanno influito sul giocato, ora Vika ha ripreso il posto che le compete conquistando già due tornei (Brisbane e Indian Wells). Brucia ancora la sconfitta subita all’Australian Open in un quarto di finale contro Angelique Kerber; grazie ad uno scherzo del destino, e agli abbinamenti del cartellone di Miami, l’atleta bielorussa può cercare la sua rivincita.

Nel quarto di finale disputato Victoria Azarenka affronta la britannica Johanna Konta. Un unico precedente tra le due a Wuhan conclusosi con il ritiro della bielorussa, ma per nulla indicativo dei reali valori in campo.
L’inizio del match è a favore della Konta, lasciando pochissime occasioni alla tennista bielorussa. Al sesto game la britannica trova la palla break, ma nel gioco successivo la Azarenka ingrana la marcia e comincia a cambiare ritmo.
Sul 4–3 nuovo break point per la britannica, la bielorussa respinge la palla in rete a seguito del servizio della Konta, ma l’arbitro decreta out la palla dell’inglese.
Nel decimo gioco la Azarenka riesce ad avere la meglio in una serie di scambi intensi e, con un ultimo rovescio della Konta sulla rete, può riposarsi con un set di vantaggio.

L’esperienza della bielorussa e la stanchezza della britannica segnano l’esito del secondo set: la Azarenka costringe la Konta ad un gioco più difensivo. Nel terzo game la giocatrice inglese commette per ben tre volte doppio fallo, sbagliando il fondamentale che nella prima parte del match le ha garantito un bel po’ di punti.
I break di vantaggio per Vika diventano due e la rimonta per la Konta pare impossibile. La Azarenka chiude il quarto di finale dopo un’ora e trentacinque minuti di giocato.

Nell’altra parte del tabellone la tedesca Angelique Kerber batte l’americana Madison Keys. Ultimo precedente tra le due è stata la finale di Charleston del 2015, dove la tedesca ha conquistato il titolo con una debilitante finale durata tre set e oltre due ore di gioco. Quella finale è stato un momento di svolta per la Kerber che l’ha portata a conquistare posizioni nel ranking mondiale e a raggiungere il secondo posto.

Il quarto di finale può dirsi tutto opera dell’americana che con un gioco aggressivo, ma a volte errato, conquista e perde punti davanti ad una solida tedesca, fautrice di un gioco difensivo senza grandi sbavature.
Sul 3 – 3 del primo set due errori della Madison consegnano psicologicamente l’incontro alla tedesca: prima un doppio fallo in battuta e poi un calcolo sbagliato di traiettoria sul dritto della Kerber, decidono il game a favore della tedesca.
L’americana crolla mentalmente e concede prima il set e poi la partita: 6-3 6-2 e la Kerber incrocerà di nuovo la bielorussa Azarenka sul campo per decidere la finalista del WTA Miami.

  •   
  •  
  •  
  •