ATP Miami: Vince ancora Novak Djokovic. Chi può batterlo?

Pubblicato il autore: laura.mondarini Segui

djokovic-atp-miami-2016-27-marzo

Florida, Miami – E’ ancora Novak Djokovic il re del secondo Master 1000 della stagione.

Per il terzo anno consecutivo Nole conquista il cemento di Miami, questa volta battendo in due set il giapponese Kei Nishikori. Una passeggiata di salute, un allenamento per il numero 1 del mondo, che a fine partita non avrebbe neanche bisogno di una doccia rinfrescante.
Con un secco 63 63 il serbo chiude la pratica contro un assente Nishikori, ai limiti di una prestazione da finalista.

I numeri del serbo spaventano davvero: nell’intero torneo Nole non ha concesso neanche un set ai suoi avversari. E’ stato tutto in discesa il suo percorso verso il trofeo. Solo il giovane austriaco Dominic Thiem, ai quarti di finale, è riuscito a metterlo in difficoltà sul finale di partita, giocandosi più volte l’accesso al terzo set e sprecando diversi breakpoint. Alla fine nulla ha potuto contro il numero uno del Ranking Atp, che come sempre nei momenti di difficoltà tira fuori gli artigli.
E’ questa la forza di Novak Djokovic, la freddezza, il controllo psicologico su di sé e sull’avversario, il servizio magistrale che lo toglie spesso da situazioni complicate, e ovviamente la potenza fisica e la tecnica sopraffina che legittimano il suo primato assoluto.

Ma esiste nel Circuito Atp qualcuno che sia davvero in grado di essere competitivo contro questo magistrale e irrefrenabile atleta?
Lo stacco dalla prima posizione di Nole alla seconda posizione di Andy Murray (finalista del Master 1000 di Miami lo scorso anno) spegne ogni speranza di stravolgimento in classifica. Novak Djokovic ha più del doppio dei punti rispetto allo scozzese. Totalmente superfluo nominare gli altri.

Durante il torneo avrebbero forse potuto dar del filo da torcere al campione in carica, Roger Federer, ritiratosi però dalla competizione per una presunta influenza, e Rafael Nadal, anche lui ritiratosi dal torneo, ma per disidratazione.

Il serbo continua quindi a collezionare record. Con questo sesto successo sui campi in cemento di Key Biscayne, eguaglia il primato di Agassi, con questo montepremi, superiore al milione di dollari, Nole supera anche Federer e diventa il tennista che ha guadagnato di più nella storia di questo sport se consideriamo gli incassi riguardanti le sole competizioni. Manca pochissimo al serbo per superare la cifra da capogiro dei cento milioni di dollari.

Se per qualcuno Novak Djokovic non risulta ancora così simpatico, e spesso capita a chi si distingue da tutti gli altri raggiungendo risultati esilaranti, per tanti altri è campione di bravura e cordialità. Sa come accaparrarsi il favore del pubblico anche quando dall’altra metà del campo c’è il Re Roger Federer. Difficile non stare dalla parte dello svizzero, ma altrettanto lo è non riconoscere lo strapotere del momento del serbo.

Dei fantastici quattro Djokovic, Federer, Nadal e Murray solo il primo sembra davvero imbattibile ormai.
Nadal ormai pare essere in fase di declino, a Murray manca sempre qualcosa, soprattutto sotto il profilo psicologico e caratteriale.
Largo ai giovani quindi, tra i quali sembra esserci qualcuno da tenere seriamente sotto’occhio per gli anni a venire.

Per ora Nole l’Incorreggibile non teme nessuno!

Guarda gli highlights della finale di Miami 2016. https://youtu.be/OD9TiNekWMk

 

  •   
  •  
  •  
  •