Camila Giorgi shock: “Lascio la Nazionale”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

Camila-Giorgi

Un fulmine a ciel sereno, una notizia clamorosa che già sta facendo il giro d’Italia. Camila Giorgi lascia la Nazionale di tennis. E lo fa sbattendo la porta e andandosene via in una scia di rancori, polemiche e ripicche. Davvero una brutta storia di un amore mai nato.

Uno scarno comunicato di poche righe, enigmatico  e pieno di incognite. E anche vagamente allusivo. E’ così che l’atleta azzurra ha deciso oggi di annunciare al mondo intero la sua rinuncia alla maglia della nazionale azzurra. Così, dal suo sito internet, Camila Giorgi annuncia il suo addio dalla Nazionale italiana: “Camila Giorgi ed il suo staff comunicano che in data odierna si è giunti all’interruzione dei rapporti con la FIT, che agirà come a suo tempo fatto con Simone Bolelli. Camila non parteciperà dunque alla Fed Cup, ma disputerà le qualificazioni del torneo di Stoccarda”.
Una presa di posizione che ha lasciato di stucco tutti: la Federazione, gli appassionati di tennis, i tifosi della Giorgi.

Cosa abbia spinto la Giorgi ad un passo simile, è un mistero assoluto, anche perché al momento dalla Federazione non è uscito nessun comunicato e i dirigenti si nascondono dietro un comprensibile no comment. La presa di posizione della Giorgi ha davvero del clamoroso. La tennista marchigiana in pratica annuncia che, se convocata mercoledì prossimo per la trasferta di Fed Cup in Spagna del 16-17 aprile nel delicato playoff per non retrocedere, non risponderà a tale convocazione.

La Federazione per il momento non prende provvedimenti perchè solo allora potrà attivare i provvedimenti per un eventuale provvedimento disciplinare e per una squalifica. Sorprende molto, nel suo comunicato, il riferimento a Bolelli, come se la Giorgi, attualmente numero 43 al mondo, conoscesse già a cosa andrà incontro: Bolelli, come molti dei nostri lettori infatti sapranno, nel 2008, venne squalificato per non aver accettato la convocazione per un match di Davis contro la Lettonia, e rimase fuori quasi due anni dalla nazionale.

Per la Giorgi la situazione sembra essere addirittura più intricata. La Giorgi, infatti, è vincolata alla Federazione da un contratto che la obbliga a rispondere alle convocazioni. Alcuni in queste ore, inoltre, sostengono che la tennista azzurra avrebbe anche un debito di riconoscenza per i supporti tecnici ed economici ricevuti, a partire dalla possibilità di allenarsi in modo stabile a Tirrenia, luogo in cui la Giorgi si allena da due anni con allenatori  federali che la accompagnano ormai da anni nel suo percorso di crescita tecnica e sportiva.
Cosa ci sia sotto, non si sa. Di certo la Giorgi è molto amareggiata e forse le prossime ore contribuiranno a farci comprendere i veri motivi di questo clamoroso gesto.

Certo è che, più di tutti, ci sono rimasti male i migliaia di appassionati del tennis azzurro. A questo punto il clamoroso forfait della Giorgi rischia davvero di mettere nei guai il Ct Barazzutti in vista della delicata sfida contro la Spagna. Se prima le nostre speranze di non retrocedere erano davvero poche, ora, con l’assenza della Giorgi, rischiano di farsi praticamente nulle. E’ proprio il caso di dirlo: Sara Errani, salvaci tu !

  •   
  •  
  •  
  •