Roland Garros ancora sotto la pioggia, si gioca a tratti: fuori Radwanska e Halep

Pubblicato il autore: Domenico Nocera Segui

rollandGarros
Il Roland Garros di quest’edizione 2016 sarà certamente ricordato anche per i pazzechi acquazzoni che hanno impedito o limitato le fasi di uno dei quattro tornei di tennis più importanti del mondo.

Dopo lo stop totale nella giornata di ieri, oggi a Parigi si è giocato letteralmente a singhiozzo, tra lo sdegno del pubblico che ha dovuto attendere circa un’ora in più rispetto all’orario prestabilito per l’inizio delle partite. Ma sicuramente non era neppure contento di vedere giocare a frammenti i propri beniamini, tra l’altro in condizioni precarie e al limite del regolamento.

Nelle poche fasi di gioco, anche per le difficoltà che la pioggia ha causato nel terreno di gioco, alcune giocatrici hanno concluso qui il proprio cammino nel torneo francese, non senza polemiche. Simona Halep e Agnieszka Radwanska si sono infatti aspramente lamentate delle condizioni precarie del terreno di gioco e secondo loro, anche oggi gli organizzatori avrebbero dovuto rinviare, visto anche la stessa importanza della manifestazione, facente parte dei tornei del Grande Slam

C’è da dire in effetti che, verso le ore 19, gli organizzatori si sono comunque dovuti arrendere a questo continuo diluviare, rinviando il prosequio degli ottavi di finale maschili nella giornata di domani, e posticipando di conseguenza l’inizio dei quarti, con la parte bassa del tabellone.

Leggi anche:  Dove vedere Atp Eastbourne 2021: streaming gratis e diretta tv in chiaro?

A discapito delle due eliminate, si sono qualificate ai quarti di finale Samantha Stosur e Tsvetana Pironkova che hanno sconfitto rispettivamente la rumena per 7-6(0) 6-3 e la polacca per 2-6, 6-3, 6-3.

Per quanto riguarda il percorso maschile, gli ottavi di finale non completati vedevano in vantaggio Novak Đjoković per 3-6 6-4 4-1 contro Bautista Agut, mentre Ferrer conduceva per 2-1 nel primo set, senza break, contro Berdych. Ma restano praticamente incompleti tutti i quarti di finale.

A questo punto il programma, con la speranza che il meteo sorrida presto a Parigi e a tutto il Roland Garros e che si possano completare soprattutto queste partite lasciate a metà, viene rinviato alla giornata di domani. Giocare con ritmi troppo spezzettati, non rende certamente giustizia allo spettacolo sportivo che i tennisti possono offrire durante le giornate più “asciutte” e serene. Senza contare che, in virtù di tutti questi posticipi, il tempo comincia un pò a stringere e ogni altro minuto perso renderebbe troppo ravvicinate le fasi del torneo in vista della giornata finale, prevista per domenica 5 giugno.

Leggi anche:  Tabellone Atp Eastbourne: Monfils prima testa di serie, Sonego unico azzurro al via

Non accadeva dal 2000 che un intera giornata del torneo francese venisse rinviata per la pioggia. E probabilmente, ha pochissimi precedenti (se non addirittura nessuno) una due giorni dove è giocato così poco. L’organizzazione del Roland Garros, effettivamente, si batte da anni per modificare la struttura almeno del campo centrale, dotandolo di una tettoia, al fine da limitare i “danni” causati da eventuali acquazzoni.

Sicuramente molti appassionati parigini e non di tennis, stufi di queste 36 ore travagliate per colpa del clima, sarebbero ben lieti se tali modifiche venissero già inserite per la prossima edizione del Roland Garros. Ma si tratta ovviamente di un’ipotesi utopistica, visto che anche qualora il progetto venga approvato entro quest’anno, se ne parlerebbe comunque non prima del 2020 per vederlo realizzato.

  •   
  •  
  •  
  •