Tennis, Federer attacca la Sharapova: “Tolleranza zero per chi sbaglia”

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

federer


“Sharapova? Io sono per la tolleranza zero”. Questo il pensiero di Roger Federer in merito alla squalifica di due anni inflitta dalla Federtennis mondiale (ITF) a Maria Sharapova dopo essere risultata positiva al meldonium nel corso dell’ultimo Australian Open.
Secondo il fuoriclasse elvetico il fatto che non sia stata squalificata per assunzione volontaria della sostanza dopante non giustifica la siberiana: “Non importa se sia stato fatto intenzionalmente o meno, in questo non vedo alcuna differenza. Dobbiamo essere sicuri al 100% di quello che prendiamo, conoscerne i rischi, e in caso contrario, accettarne le conseguenze”.
Federer torna poi a ribadire il concetto: “Maria ha tutto il diritto di difendersi, ci mancherebbe, ma ripeto, tolleranza zero per chi sbaglia indipendentemente da chi sia quella persona. Bisogna conservare i campioni del sangue per 10, 15 o 20 anni e se necessario le sanzioni possono essere retroattive, con la revoca dei titoli vinti se necessario. Questo è l’unico modo per scoraggiare gli atleti ad assumere il doping”.

Niente Olimpiadi per la Wozniacki?

Nonostante sia stata designata come portabandiera della Danimarca, Caroline Wozniacki non potrà partecipare alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro. La clamorosa notizia arriva direttamente dalla ITF e il motivo è molto semplice: la tennista danese non è eleggibile per la rassegna a cinque cerchi a causa dei suoi forfait in Fed Cup. I criteri di eleggibilità passano proprio da questa competizione e sono ben definiti: bisogna giocare almeno due match in Fed Cup negli ultimi quattro anni per poter partecipare al torneo olimpico.

Ma la Wozniacki non li ha rispettati. L’ex nuemero uno del mondo avrebbe dovuto giocare con la sua nazionale nella sfida contro la Bosnia Erzegovina dello scorso aprile, ma pochi giorni prima dovette dare forfait per un infortunio. Un guaio fisico che l’ha tenuta lontana dai campi fino a questa settimana quando si è presentata nel torneo di Nottingham, uscendo poi agli ottavi contro l’estone Kontaveit.
Ad ogni modo l’assenza contro la Bosnia rischia di costarle molto cara perché per i criteri della ITF non può essere selezionata per i Giochi di Rio.
La Wozniacki ha comunque già presentato ricorso e la conseguente udienza si terrà il prossimo 30 giugno quando la ITF deciderà se fare una deroga al regolamento, visto che l’infortunio c’è effettivamente stato, oppure, in caso contrario, la Danimarca dovrà trovare un/a nuovo/a portabandiera.  

  •   
  •  
  •  
  •