Wimbledon, Tomas Berdych: impressioni a caldo al termine del match

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

tennis-balls
Riprendiamo le impressioni a caldo dei tennisti impegnati al torneo di Wimbledon.
Primo turno; T. Berdych b. I. Dodig 7-6 (5) 5-7 6-1 7-6 (2). L’intervista del dopo partita a Tomas Berdych.
Testo integrale su gentile concessione di ubitennis.com.

Quant’è difficile interrompere un match e poi doverlo riprendere il giorno dopo e restare concentrati durante la notte? Sei nel tour da un po’, ci sei abituato o è sempre una sfida?
No, come hai detto tu è sempre una sfida, ma alla fine ci si abitua. Devi solo mantenere la concentrazione sapendo che non avrai un giorno di riposo dopo aver giocato il match, tutto qui. Non importa se ti rimangono solo pochi punti o un intero set, devi solo essere concentrato e pronto per il match successivo.

Considerando le previsioni meteo per oggi, quanto sei contento di aver finito il tuo match?
Oh, è stato un match con alti e bassi e prima di tutto avrei dovuto finirlo già ieri. Comunque credo che sia un bene che siamo riusciti a finire oggi e ora vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni.

Una domanda riguardo ai cambi campo, spesso avvengono cose strane: i giocatori passano il tempo a litigare con l’arbitro o ordinano un caffè. Come vedi la cosa? Tu cerchi di isolarti e rilassarti?
Per tutti è differente perché ci sono delle cose che non influiscono su di te ed altre che invece lo fanno. Riguarda tutto quello che c’è intorno, sai, accadono molte cose diverse sul campo e intorno al campo. Alcune di esse puoi facilmente lasciarle andare, altre invece avvengono senza alcuna ragione in un particolare momento ed influiscono sul tuo gioco e qui la cosa è differente. Poi ci sono dei giorni in qui sei in grado di gestire queste cose più facilmente rispetto ad altri giorni, ma comunque queste cose accadono ad entrambi i giocatori quindi è giusto così.

Se il tuo avversario sta litigando con l’arbitro durante un cambio campo, la cosa ti distrae?
No, no, affatto. Cioè, si tratta semplicemente del fatto che lui vede qualcosa che non va e la vuole dire all’arbitro e questo è qualcosa che va assolutamente al di fuori di me. Non è un mio problema.

Tu rappresenterai il tuo paese alle Olimpiadi. Cosa ne pensi di chi rinuncia per il virus Zika?
Credo che loro abbiano decisamente le loro ragioni, e la decisione sta a loro quindi la rispetto assolutamente.

Puoi parlarci della tua situazione riguardo al coach? Sei ancora senza?
Sono felice della situazione attuale, ma il tennis come sai è uno sport che si muove molto velocemente.

Parlando di calcio, stai seguendo gli Europei?
Sì, li sto seguendo. Io non sono un grande esperto di calcio e non mi piace quando una persona che non ne sa di uno sport fanno finta di capirne e dicono cosa è andato bene e cosa è andato male, come dovrebbero giocare, cosa dovrebbero fare.

Trovi la cosa interessante che qualcuno con un ranking così basso affronti Federer sul centrale?
Beh, assolutamente. Questo dimostra quanto il tennis sia uno sport duro e che persino chi ha un basso ranking passando per le pre-qualificazioni può farcela.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: