Cancellato dal primo settembre il “silent ban”: il tennis Anti-Doping Programme volta pagina

Pubblicato il autore: marco.stiletti Segui
logo_fitVia al “silent ban“. Il tennis Anti-Doping Programme si trova a una svolta. A partire dal primo settembre , infatti, anche una sospensione provvisoria per doping verrà resa pubblica con effetto immediato allo scopo di evitare accuse infondate. Lo ha comunicato la Federazione internazionale di tennis (Itf) su Twitter.
L’articolo in questione è il 13.3 del regolamento che vincola la federazione internazionale alla segretezza in merito ai casi di sospensione per violazioni del codice anti-doping. Dunque, a partire dalla data specificata, tutti i provvedimenti presi in tal senso saranno annunciati pubblicamente. La decisione è stata presa poiché la “reputazione del Programma (anti-doping) è stata danneggiata da accuse che i giocatori scontassero la sospensione senza che essa fosse resa pubblica”, e di conseguenza, “per proteggere il tennis”.
La decisione è stata presa a causa delle insinuazioni rivolte nei confronti di alcuni giocatori, accusati di scontare la sospensione per doping senza che essa fosse resa pubblica. Il caso che ha fatto scuola è quello di Marin Cilic, fresco vincitore del Master 1000 di Cincinnati. Al croato era stata riscontrata la positività dopo il torneo di Monaco di Baviera del 2013. L’atleta, però, aveva dichiarato di aver assunto le sostanze per ‘distrazione’, mettendo la Itf nelle condizioni di dover ulteriormente indagare sulla vicenda. Di comune accordo con la federazione, l’atleta scelse di non rivelare la cosa, essendo ancora in corso gli accertamenti. Sotto investigazione, l’atleta venne sospeso, ma ufficialmente si optò per far ritiare CIlic dai tornei dichiarandolo infortunato per non ledere l’immagine del tennis. Un caso che sollevò non poche polemiche, sopratutto dopo la conferma che non si trattava di un errore, bensì di doping sistematico. Un’operazione che dunque creerà più trasparenza nel mondo del tennis, fino ad oggi avvolto nella segretezza.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: