Rio 2016, Tennis: Rafa Nadal parteciperà ai Giochi. La decisione dopo i problemi al polso

Pubblicato il autore: Saverio Crea Segui

Rafael-Nadal

Rio 2016: Nadal sarà ai Giochi

A due giorni dall’inizio di Rio 2016, Rafael Nadal ha deciso di partecipare alle Olimpiadi. Lo spagnolo, gravato da problemi fisici, era stato costretto al ritiro al Roland Garros lo scorso fine maggio. Il problema principale riguardava il polso sinistro. Da ieri, l’atleta, si è allenato senza fasciatura, il che faceva ben sperare.  “E’ evidente che non arrivo nel mio miglior momento. Se non si trattasse delle Olimpiadi non giocherei, pero‘ ho gia’ saltato Wimbledon e faro’ tutto il possibile per rendere al massimo”, ha dichiarato il trentenne di Maiorca. Le sue dichiarazioni, arrivano dopo l’allenamento con il connazionale David Ferrer. “A dire il vero non ho notato grandi miglioramenti – ha aggiunto secondo quanto riportato dal sito della Federtennis – il polso continua a farmi male, pero’ non ci sono stati peggioramenti. E questa e’ una grande notizia”.  Ben cinque suoi colleghi top ten avevano, invece, rinunciato al torneo olimpico. L’ultimo in ordine di tempo era stato lo svizzero Wawrinka. La decisione e’ stata presa insieme a Conchita Martinez, capodelegazione del team tennistico spagnolo a Rio de Janeiro. Importanti nella scelta finale, anche lo zio-coach Toni Nadal e Angel Ruiz Cotorro, medico della federazione spagnola. “Nadal e’ la migliore opzione che abbiamo per ottenere una medaglia”, ha sottolineato la Martinez. Il tennista sarà regolarmente in campo nel singolare.  Anche nel doppio sarà presente, insieme a Marc Lopez e in doppio misto con Garbine Muguruza, sempre per la Spagna. Dopo i tanti forfait, un campione (numero 4 dell’ATP) del tennis si giocherà le speranze di medaglia. Una buona notizia per lo sport tutto, sperando che Rafa non rischi troppo se sotto sforzo, per evitare conseguenze spiacevoli. Nadal aveva vinto la medaglia d’oro nel singolo, alle Olimpiadi di Pechino 2008 e aveva saltato i Giochi di Londra, sempre per un infortunio.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tennis, Ranking ATP: i top e i flop del 2020