Us Open, Roberta Vinci: “Tanta pressione, ma daró il massimo”

Pubblicato il autore: Giulia Banfi Segui

Roberta Vinci

Roberta Vinci difende la finale agli Us Open 2016: lo scorso anno perse contro la connazionale Flavia Pennetta, quest’anno riuscirà ad arrivare fino in fondo?

La tarantina arrivata a New York da New Haven cerca di trovare la giusta serenità per affrontare l’ultimo Grand Slam della stagione, quello che lo scorso anno la vide trionfare in semifinale sulla padrona di casa nonchè n.1 Wta Serena Williams: un risultato che le permise di disputare la storica finale contro l’amica e collega Flavia Pennetta, attualmente ritirata dal circuito.

Ci sono tanti ricordi nella mia testa, tornare qui è bellissimo –afferma la Vinci- sono arrivata da New Haven due giorni fa e oggi mentre ero al bar per prendere un caffè le persone mi hanno riconosciuta e augurato buona fortuna per il torneo. Tutti ricordano il match contro Serena, la mia gioia, questo ha fatto la differenza e mi ha fatto conoscere al grande pubblico.”
Il match contro Flavia Pennetta non si potrà sicuramente ripetere visto il ritiro della tennista azzurra, ma quello con Serena è ancora possibile. La Vinci che al primo turno affronterà Anna-Lena Friedsam con il quale ha perso nell’unico precedente quest’anno agli Australian Open (6-0, 4-6, 4-6), non si sbilancia troppo in pronostici sull’incontro: “Ho una testa di serie molto alta, la pressione è tanta, ripetere il risultato dello scorso anno sarà difficile, ma non voglio fare pronostici sulla sottoscritta. Però posso dire che il torneo maschile sarà vinto da Murray, mentre quello femminile dalla Halep: così la vedo bene. Su di me posso dire che darò il massimo, peccato che il problema al tendine non mi fa essere al 100% ma non voglio farmi condizionare.”

Roberta che arriva all’ultimo slam stagionale da n.8 Wta, infine, parla dei risultati in calo di questo ultimo periodo, ma anche di alcuni rituali scaramantici per affrontare al meglio il torneo: “Ho giocato molto nei primi mesi dell’anno, poi c’è stato un calo fisiologico. Io sono molto scaramantica quindi cerco di fare le stese cose che ho fatto lo scorso anno: ceno sempre al ristorante Bistrot Milano; peccato per la vecchia camera 319 che era occupata. Anche l’armadietto ho chiesto quello del 2015, peró me ne hanno dato uno molto vicino.”
Dunque tra scaramanzia e un buon tennis Roberta Vinci mira a migliorare il risultato dello scorso anno, forse per chiudere in bellezza? “Non sono più una ragazzina ho 33 anni -ammette l’azzurra- a fine anno tirereró le somme e decideró.” Intanto tutti a tifare per il titolo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Atp Washington 2021: streaming gratis e diretta tv in chiaro?