Us Open,Murray risponde a Djokovic. Benissimo Serena, meno Venus. E Karlovic fa record di ace!

Pubblicato il autore: matteo lanzi Segui

Se ci sei batti un colpo.E Murray c’è,forte, e si sente. Mentre Djokovic vince nel primo turno dell’Us Open  faticando più del previsto, lo scozzese,fresco del suo secondo oro olimpico, ha distrutto il ceco  Lukas Rosol in un ora e 51 minuti con i parziali di 6-3,6-2,6-2.Statistiche formidabili quelle di Murray,grazie alle quali ha contenuto l’imprevidibilità di Rosol:11 ace, 83% di realizzazione sulle prime,12 punti su 14 discese a rete, nessuna palla break concessa all’avversario e un solo doppio fallo, le quali sono bastate di fronte alla pochezza mostrata da Rosol, stranamente falloso e distratto.Murray incontrerà al secondo turno lo spagnolo Granollers, che ha battuto in tre set,ma con due tie break, l’argentino Juan Monaco. Grande prestazione anche di Juan Martin Del Potro che, sulla scia della grande forma mostrata a Rio, batte 6-4,6-4,7-6 David Schwartzman in un torneo per lui storicamente fortunato ( campione nel 2009, dove sconfisse in finale niente di meno che Roger Federer). Del Potro tira fuori l’artiglieria pesante e per l’avversario, il quale è comunque bravo a giocargli costantemente sul rovescio, non c’è scampo:l’argentino fa quel che vuole in campo, giostra benissimo in tutto l’arco dei vari set, rimanendo sempre in grande controllo e rimontando quando va in difficoltà, come per esempio nel secondo set. Ottimo esordio anche per Serena Williams contro la russa Ekaterina Makarova, la quale nel 2012 l’aveva eliminata nell’ottavo di finale dell’Open di Australia, in una partita che pareva senza storia. Nonostante le difficoltà del match, l’americana ha avuto vita facile, annichilendo la sfidante con un doppio 6-3 in 62 minuti, con un primo set segnato dal break piazzato nel sesto game e un secondo deciso da un doppio break piazzato nel quinto game che ha indirizzato set e incontro.Vittoria numero 305 per Serena in una partita degli Slam, una in meno della record-woman assoluta, la ceca Martina Navratilova.Record che potrù raggiungere nella prossima partita, che la vedrà impegnata contro la connazionale Vania King.Esordio decisamente più complicato per la sorella Venus, che ha dovuto faticare parecchio per avere la meglio dell’ucraina Kateryna Kozlova (6-2,5-7,6-4 lo score).La Williams haavuto un inspiegabile black out nel secondo set, quando si è addormentata sul 6-2, 3-0, aprendo alla rimonta della rivale ( brava a crederci sempre ), che ha vinto il secondo set e è rimasta in partita per tutto il terzo, costringendo l’americana a uno sforzo maggiore di quello previsto.Tutto facile per la polacca Agnieszka Radwanska, che batte l’americana Jessica Pagula con uno score di 6-1,6-1. Nel frattempo, da segnalare il record di ace in una sola partita degli Us Open, stabilito dal croato Ivo Karlovic, il quale nel match contro il taiwanese Yen-hsun Lu (vinto in 5 set) ne ha messi a segno 61. Il precedente primato risaliva a un quarto di finale datato 1999 e apparteneva a Richard Krajicek.Il recordo assoluto appartiene invece all’americano John Isner, che nel match più lungo della storia:nel quinto set del primo turno dell’edizione 2010 di Wimbledon (vinto dall’americano 70-68) contro Nicolas,Isner ne mise a segno 113. Stasera impegno di lusso per il nostro Andreas Seppi, impegnato contro lo strafavorito spagnolo Rafa Nadal nell’ultimo match della giornata sul Arthur Ashe.
US Open 2016

  •   
  •  
  •  
  •