Atp World Tour Finals 2016: il numero uno è Murray

Pubblicato il autore: Serena Caracausi
Atp World Tour Finals 2016

Atp World Tour Finals 2016, vince Murray.

Il verdetto è che a vincere gli Atp World Tour Finals 2016 è stato Andy Murray: in finale ha sconfitto per 6-3 6-4, in un’ora e 43 minuti di gioco, con un punteggio netto, il rivale di sempre Novak Djokovic. Così Andy Murray vince il Masters di Londra alla O2 Arena di Londra (evento conclusivo Atp World Tour Finals 2016 del circuito maschile con ben 7 milioni e mezzo di dollari di montepremi, di cui 2.391.000 $ al vincitore, 1.261.000 allo sconfitto). Grazie al titolo conquistato (il primo al Masters in otto partecipazioni) chiuderà l’anno al numero uno del ranking mondiale.

Atp World Tour Finals 2016 – Primo Set

Nel primo set la partita inizia in un’apparente equilibrio. Anzi, è il servizio del britannico quello che concede più punti. Sul 3-2, però, lo scozzese mette l’acceleratore, mentre Djokovic mantiene il suo ritmo invariato. Il gioco del 3-3 sancisce il divario tra i due: il serbo lo vince, ma annullando due palle break e faticando enormemente. Il break sul 4-3 si rivela fatale perché concede a Murray la chance di servire per il set. E lui non la manca: 1-0. Murray è semplicemente perfetto negli scambi. Non serve particolarmente bene (50% con la prima di servizio) ma realizza un impressionante 86% di punti quando entra la prima.

Leggi anche:  Dove vedere Atp Montpellier 2023, streaming gratis e diretta tv Supertennis o Sky Sport?

Atp World Tour Finals 2016 – Secondo Set

Imperioso l’inizio di secondo set del britannico: break immediato grazie a un rovescio in rete del serbo dopo un lungo scambio. Un errore che ha affossato ancor più le velleità di rimonta di Djokovic, ormai in balia del campione di casa. L’ennesimo rovescio in rete che ha decretato il secondo break di Murray (4-1) e’ stato come una sentenza inappellabile. A poco e’ servita la reazione d’orgoglio del serbo, che nel game seguente ha sfruttato la prima e unica palla break concessagli dal britannico, che e’ andato sul 5-4 e non ha fallito: 6-4 al terzo match point e 24esimo successo di fila. E’ lui il numero uno, nessun dubbio. Il primo esame lo ha superato a pieni voti: ora appuntamento agli Australian Open di metà gennaio.

Leggi anche:  Dove vedere Atp Montpellier 2023, streaming gratis e diretta tv Supertennis o Sky Sport?

Atp World Tour Finals 2016. Dichiarazioni dopo partita di Djokovic

Djokovic ha compiuto una serie di sbagli, e nell’intervista dopo il match l’ha onestamente ammesso: “Ha vinto lui perché l’ha meritato, è il più forte di tutti. Mi aspettavo che Andy avrebbe giocato ad un livello molto alto. Come ho detto ieri dopo la mia semifinale, non mi aspettavo potesse essere stanco. Io ho giocato davvero male, commesso molti non forzati con il rovescio, non era la mia giornata. Comunque complimenti ad Andy per la sua solidità mentale, ha scelto bene i colpi, ha scambiato molto. Ha meritato di vincere”. Ogni giorno è diverso, ogni giorno ti senti diversamente. Immagino questo fosse uno di quei giorni in cui non sentivo la palla, è tutto quello che posso dire. Dall’altra parte avevo un giocatore che ha giocato come doveva”.

Atp World Tour Finals 2016. Dichiarazioni dopo partita di Murray.

Subito dopo il match, Andy Murray ha dichiarato: “La fine del match è stata emozionante, ma entrambi abbiamo sbagliato molto. Credo che in carriera ho giocato partite migliori, ma sono stato solido quando dovevo, ho giocato bene tatticamente, anche se potevo risparmiarmi alcuni errori. Ovviamente è stata una buona prestazione, non batti Novak se non giochi bene. Ovviamente è stata una grande vittoria contro un giocatore con cui ho giocato molti match, direi il mio maggiore rivale in carriera. Abbiamo giocato molte finali Slam, Olimpiadi, qui. Molte finali di Masters 1000, e siamo nati ad una settimana di distanza. Gran partita, molto importante per me. Voglio provare ad ottenere il massimo in questi prossimi anni perché non durerò per sempre. Voglio rendere i prossimi anni i migliori della mia carriera, cercare di vincere il più possibile, ma sarà difficile perché invecchiando dovrò confrontarmi con i più giovani. Sarà difficile, ma ci proverò”.

  •   
  •  
  •  
  •