Re Roger dice addio alla top ten

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta

Roger Federer

Dopo ben 14 anni Re Roger  esce dalla top Ten della classifica ATP. Un duro colpo per lo svizzero che non se lo sarebbe mai aspettato.  Si sapeva che prima o poi sarebbe accaduto. Ormai re Roger ha 35 anni e il fisico inizia a dargli problemi. Questa è stata una delle sue peggiori stagioni, non tanto a livello di tornei vinti nel circuito ATP,  ma per quanto riguarda il numero di partite giocate. Non aveva mai giocato in carriera così poche partite. A cambiare però non sono ne lo spirito e ne l’umore dello svizzero, deciso a tornare in campo nel 2017 più carico di prima.  La voglia di conquistare almeno un altro slam prima del ritiro è sempre rimasta ma, se Djokovic e Murray rimangono con questo livello di forma  l’impresa la vedo ardua.  Roger, fino al termine della sua carriera, dovrà accontentarsi di vincere qualche Atp 500 o Master 1000. Nei tornei dove si gioca 2 su 3, lo svizzero è ancora da top ten, mentre nei Grandi Slam dove si giocano cinque set fa ancora un pò di fatica. Tra i quattro major stagionali quello che vorrebbe rivincere sarebbe Wimbledon. Sull’erba di Londra lo svizzero si sente come se fosse a casa, avendo vinto il torneo per ben sette volte eguagliando Pete Sampras.  Il primo ingresso di Federer nella top ten risale al 2002 all’età di 21 anni. Con questo stop che gli ha precluso anche la partecipazione alle Olimpiadi di Rio, si allontana il record di settimane consecutive tra i primi 10 della classifica Atp di Connors. L’americano aveva resisto per ben 15 anni, dal 1973 al 1988 e dopo soltanto una settimana da numero 11, rientrò nella top ten rimanendoci per ben 31 settimane consecutive.  Federer se non vuole uscire anche dalla top 20, risultato che sarebbe ancora più clamoroso, a inizio 2017 dovrà difendere la finale nel torneo di Brisbane e la semifinale all’Australian Open. Confermarsi tra i primi quattro nel primo Slam della stagione 2017 non sarà facile, perchè come si è visto questa settimana nel torneo di Parigi Bercy, ci sono giocatori come Cilic e Raonic che se trovano la giornata giusta possono battere chiunque. Se il canadese risolverà i problemi fisici che lo hanno costretto a ritirarsi prima della semifinale nel torneo indoor parigino contro Murray, in Australia potrebbe essere un avversario da tenere molto in considerazione.  I fan dello svizzero, ma soprattutto gli amanti del tennis, sperano che i problemi fisici possa dargli un pò di tregua nella prossima stagione e farlo tornare a buoni livelli. Se ritroverà il tennis fatto vedere a sprazzi in questa stagione, Roger potrebbe togliersi qualche soddisfazione nei Master 1000 o nei Grandi Slam e vincere qualche torneo Atp minore.  Scordiamoci di rivederlo ai livelli del 2006, quando disputò lo sua migliore stagione nel circuito Atp. Da allora sono passati ben 10 anni e gli avversari di certo non sono rimasti a guardare. Roger solo con il tuo talento può spazzare le critiche di chi ti da già per bollito o vicino al ritiro.  Con la costanza e la tenacia qualche soddisfazione potrai ancora togliertela.

  •   
  •  
  •  
  •