Angelique Kerber ora arriva la parte difficile

Pubblicato il autore: fabia Segui

kerber
Sicuramente per Angelique Kerber  arrivare in vetta è stato difficile, ma restarci è senza dubbio  più complicato. Questa  tennista ha vissuto un 2016 da sogno al punto da essersi trasformata in una vip molto interessante per la TV pubblica tedesca tanto da trasmettere in diretta i suoi match alle WTA Finals.

A Brisbane la Kerber ha  battuto con molta difficoltà  Ashleigh Barty, tuttavia  nei quarti non c’è stato verso: è stata bloccata da Elina Svitolina col punteggio di 6-4 3-6 6-3.

Si è trattato di  un buon match ma senza rivincita. Nel terzo set, in cui la Svitolina ha rimontato un break di svantaggio e si è aggiudicata cinque degli ultimi sei game, assicurandosi la semifinale contro Karolina Pliskova.  Ricordiamoci anche che la Svitolina aveva già dato prova alla Kerber di essere un osso duro… Basti pensare al loro ultimo scontro diretto, a Pechino, confermandosi avversaria più che ostica.

In tutto questo cosa dice o cosa ne pensa  la tedesca “Angie”? E’ inevitabile che recrimini per come si è sviluppato il terzo set: una numero 1, in effetti, avrebbe potuto farsi valere di più.
Le dichiarazioni di Elina:“No, questa sconfitta non influenza in nessun modo la mia preparazione e la mia fiducia per l’Australian Open. I tornei del Grande Slam sono totalmente diversi”.  “Abbiamo giocato entrambe a buon livello. Ovviamente sono delusa della sconfitta, ma resto soddisfatta del mio inizio anno”.
WTA PREMIER BRISBANE – Quarti di Finale
Elina Svitolina (UCR) b. Angelique Kerber (GER) 6-4 3-6 6-3
Karolina Pliskova (CZE) b. Roberta Vinci (ITA) 3-6 6-2 6-2
Alize Cornet (FRA) b. Dominika Cibulkova (SVK) 6-3 7-5
Garbine Muguruza (SPA) b. Svetlana Kuznetsova (RUS) 7-5 6-4

Leggi anche:  Tabellone Atp Maiorca: Medvedev numero 1 del seeding, al via Travaglia e Caruso

 

 

Pillole su Angelique Kerber

Nasce a Brema, 18 gennaio 1988 è una tennista tedesca.

Dal 12 settembre 2016 è la tennista numero 1 del ranking mondiale. In carriera ha vinto 10 tornei WTA in singolare, e nei tornei del Grande Slam vanta come migliori risultati la vittoria all’Australian Open, la vittoria agli US Open e la finale a Wimbledon, sempre nel 2016. Grazie alla vittoria australiana è diventata la seconda tedesca della storia, dopo Steffi Graf, ad aggiudicarsi un Major.

Nata a Brema ma cresciuta a Kiel, nel nord della Germania, la Kerber ha origini polacche per parte del padre, Slawek, ed in gioventù ha anche considerato la possibilità di giocare per la Polonia. Dal 2012 ha ufficialmente trasferito la sua residenza a Puszczykowo, cittadina polacca nei pressi di Poznań, dove ha spesso trascorso le sue estati giocando sui campi del nonno paterno.

Mancina e dotata di rovescio bimane, tecnicamente è una giocatrice aggressiva da fondocampo, con una leggera predilezione per il diritto, ma dispone anche di un’ottima fase difensiva che le consente di rimettere in campo molte palle difficili. I migliori risultati li ha ottenuti sul cemento, sia all’aperto che indoor.

La tedesca ha perso il 21 febbraio 2010 la finale del torneo WTA International di Bogotà contro la colombiana Mariana Duque Mariño. Agli US Open 2011 la tedesca giunge fino in semifinale. Al primo turno la Kerber supera la wild-card americana Lauren Davis, al secondo turno elimina la forte polacca Agnieszka Radwańska, al terzo batte la russa Alla Kudrjavceva, agli ottavi di finale supera la rumena Monica Niculescu e ai quarti l’italiana Flavia Pennetta. La tedesca, infine, viene eliminata in semifinale da Samantha Stosur poi vincitrice del torneo.

Leggi anche:  Tabellone Atp Maiorca: Medvedev numero 1 del seeding, al via Travaglia e Caruso

Nel torneo di casa, a Stoccarda, giunge ai quarti ma viene eliminata. Sulla terra blu di Madrid giunge al terzo turno arrendendosi alla cinese Li Na. Agli Internazionali d’Italia raggiunge la semifinale ma viene battuta dalla futura vincitrice Marija Šarapova. Il 21 maggio 2012, grazie alla semifinale raggiunta agli Internazionali d’Italia, entra per la prima volta nelle prime 10 della classifica WTA di singolare. Al Roland Garros 2012 raggiunge per la prima volta i quarti per poi essere sconfitta dalla futura finalista Sara Errani

Ad Eastbourne arriva in finale ma non sfrutta 3 match point e viene punita dalla Paszek che si aggiudica match e torneo. Al Torneo di Wimbledon 2012 raggiunge per la prima volta nella sua carriera la semifinale, nonostante un tabellone impegnativo che la vede affrontare sin dai primi turni avversarie ostiche come Ekaterina Makarova e la giovane Christina McHale e sconfiggendo tenniste molto più quotate di lei come Kim Clijsters agli ottavi di finale e la connazionale Sabine Lisicki ai quarti, dopo una lunga battaglia finita 7-5 al terzo set. Viene fermata ad un passo dalla finale da Agnieszka Radwańska in due se.

Leggi anche:  Tabellone Atp Maiorca: Medvedev numero 1 del seeding, al via Travaglia e Caruso

Nel 2016 a  fine anno si qualifica  per le WTA Finals, dove è la prima favorita del seeding e, per questo, inserita nel gruppo rosso assieme a Dominka Cibulkova, Madison Keys e Simona Halep. Apre il torneo affrontando la Cibulkova e vince in tre set per 7-6 2-6 6-3. Nella seconda giornata si impone contro Simona Halep per 6-4 6-2, qualificandosi così per le semifinali. Nella terza giornata ottiene il terzo punto grazie alla vittoria su Keys, giunta con un duplice 6-3. Con la concomitante vittoria in 2 set di Cibulkova su Halep, la slovacca si qualifica come seconda, alle spalle di Angelique, che chiude a punteggio pieno. La Kerber, in semifinale, trova Agnieszka Radwanska, giunta seconda nel girone bianco. La partita è a senso unico, e vede prevalere nettamente la Kerber, per 6-2 6-1. La tedesca arriva a disputare la sua prima finale a Singapore e si ritrova contro la Cibulkova, già battuta nel girone alla prima giornata. Nell’ultimo atto, a sorpresa, Kerber cede in 2 set, 6-3, 6-4, all’avversaria e perde la 5° finale dell’anno. Chiude l’anno in vetta al ranking, per la prima volta in carriera.

Attualmente nel 2017 avvia il suo 2017 a Brisbane, nel quale è prima testa di serie e finalista in carica. La tennista di Brema, dopo un bye al primo turno, estromette Ashleigh Barty per 6-3 2-6 6-3 mentre ai quarti viene superata dalla Svitolina per 6-4 3-6 6-3.

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •