Australian Open: Nadal supera Monfils in quattro set, Goffin elimina Thiem

Pubblicato il autore: Lorenzo Segui

SI SONO DISPUTATI NELLA MATTINATA ODIERNA QUATTRO INCONTRI DEGLI OTTAVI DI FINALE DELL’AUSTRALIAN OPEN 2017. VITTORIE PER RAFAEL NADAL, DAVID GOFFIN, MILOS RAONIC E GRIGOR DIMITROV, RISPETTIVAMENTE CONTRO GAEL MONFILS, DOMINIC THIEM, ROBERTO BAUTISTA AGUT E DENIS ISTOMIN.

Analizziamo nel dettaglio le quattro partite disputate oggi a Melbourne Park, dove è in corso la prima prova stagionale del Grande Slam.

Alle 3.30 ora italiana, sono scesi in campo Dominic Thiem e David Goffin. Dopo aver vinto la prima frazione di gioco per sette giochi a cinque, recuperando da uno svantaggio di 4-5, l’austriaco Thiem, che si è allenato in off season anche con il nostro Riccardo Bellotti, si è lasciato sopravanzare da Goffin, che ha vinto il secondo parziale al tiebreak (sette punti a quattro) dopo aver mancato ben quattro set point sul 5-4.
Poca storia nel terzo e nel quarto set, con il tennista belga nettamente migliore del collega austriaco: rapido 6-2 6-2 e quarti di finale raggiunti. Ad attendere Goffin ci sarà Grigor Dimitrov.

Proprio Dimitrov ha messo fine all’incredibile cammino dell’uzbeko Denis Istomin, che al secondo turno aveva eliminato il serbo Novak Djokovic in cinque set, prima di superare anche Pablo Carreno Busta, sempre per 3-2.
Istomin, che ha avuto l’opportunità di disputare l’Australian Open grazie al successo nel torneo di Playoff riservato alla zona Asia-Pacifico, si è aggiudicato il primo set con lo score di 6-2, strappando il servizio a Dimitrov nel sesto e nell’ottavo gioco.
Nel secondo set, da segnalare nell’undicesimo gioco le due palle break annullate da Istomin sul proprio servizio: si è andati al tiebreak, vinto piuttosto agevolmente dal bulgaro Dimitrov, vecchia fiamma di Maria Sharapova, il cui rientro è previsto nel prossimo mese di aprile in quel di Stoccarda.
Dal terzo set, cala Istomin, che accusa anche un problema fisico, mentre sale di livello Dimitrov, atteso da diversi anni all’approdo nei ‘Big’ del tennis mondiale. Il nativo di Haskovo, ex n.8 ATP nel 2014 ed attuale n.15 della classifica mondiale, ha portato a casa i successivi parziali per 6-2 6-1.

Un altro 3-1, ma non arrivato in rimonta, è quello di Milos Raonic, che ha superato il tennista spagnolo Roberto Bautista Agut, vincitore qualche giorno fa dell’Aircel Chennai Open, con il punteggio di 7-6 3-6 6-4 6-1.
Anche qui l’andamento è stato simile ai precedenti, con un primo parziale molto combattuto (vinto al tiebreak dal gigante canadese Raonic, otto punti a sei) e gli altri set molto rapidi. In due ore e 55 minuti, Raonic ha archiviato la pratica Bautista e affronterà, nella giornata di mercoledì, Rafael Nadal, testa di serie numero nove.

Il maiorchino ha battuto quest’oggi Gael Monfils con il punteggio di 6-3 6-3 4-6 6-4, mostrando ancora una volta di essere in grande forma fisica e mentale.
Lo spagnolo, il cui obiettivo è sicuramente quello di giungere alla finale, si è distinto nella partita odierna anche per diverse soluzioni davvero incredibili, che hanno fatto ritornare in mente, ai suoi tifosi, i momenti d’oro degli anni passati, quando Rafa vinceva praticamente ogni torneo.
Contro Raonic sarà una partita di livello molto alto; probabilmente la differenza la farà il servizio, arma principale del gioco del giocatore canadese. I due si sono già incontrati per due volte nell’ultimo mese: ad Abu Dhabi, in esibizione, vittoria per Nadal in tre set; a Brisbane, nei quarti di finale, successo di Raonic per 4-6 6-3 6-4.

  •   
  •  
  •  
  •