Wimbledon 2017: fuori Wawrinka! Ok Murray e Nadal. Avanzano Fognini, Seppi, Bolelli, Schiavone e Giorgi.

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
wimbledon

Wimbledon 2017, Bolelli e Giorgi al secondo turno

Wimbledon 2017, Bolelli al secondo turno. Continua il buon momento sull’erba inglese per Simone Bolelli, che si qualifica per il secondo turno di Wimbledon. Dopo i tre match vinti nel torneo di qualificazione il tennista milanese ottiene la vittoria contro Lu, giocatore di Taipei. 6-3,1-6,6-3,6-4 il punteggio finale in favore di Bolelli, match che si è concluso in 2 ore e 6 minuti di gioco. Buona prova di Bolelli che ha avuto un passaggio a vuoto solo nel secondo set, ma nel complesso la vittoria non è mai stata in discussione. Dopo tanti problemi fisici Bolelli sembra aver trovato una buona condizione fisica e può togliersi più di una soddisfazione a Wimbledon. Il prossimo turno però mettere di fronte Bolelli ad un avversario durissimo, Jo-Wilfried Tsonga. Il francese è testa di serie numero 12 del tabellone di Wimbledon e nel primo turno ha vinto senza grossi problemi contro l’inglese Norrie in meno di un’ora e mezzo. Qualificato al secondo turno anche Fabio Fognini, che si è sbarazzato in tre rapidi set del russo Tursunov. 6-1,6-3,6-3 il punteggio in favore del tennista ligure che ha avuto un piccolo passaggio a vuoto soltanto all’inizio del secondo set quando è andato sotto 1-3.

Wimbledon 2017, sconfitte per Fabbiano e Cecchinato. Per un Bolelli che va avanti ci sono altri due italiani che vedono già conclusa la loro avventura sull’erba inglese. Thomas Fabbiano è stato sconfitto dall’americano Sam Querrey con il punteggio di 7-6,7-5,6-2. Nulla da fare dunque per Fabbiano che nel primo set ha avuto la possibilità di servire per il set, ma poi è venuta fuori la migliore qualità di Querrey. Ancora più netta la sconfitta di Marco Cecchinato contro Kei Nishikori, testa di serie numero 9 a Wimbledon. 6-2,6-2,6-0 il chiarissimo punteggio in favore del giapponese che ha dominato il match dal primo all’ultimo quindici. Nel pomeriggio è sceso in campo anche Andreas Seppi che ha battuto in quattro set lo slovacco Gombos. 6-2,3-6,6-2,6-1 il punteggio in favore dell’altoatesino che affronterà il sudafricano Anderson nel prossimo turno.

Esordio sul velluto per Andy Murray e Rafa Nadal. Lo scozzese, detentore del titolo ha battuto in tre set il kazako Bublik per 6-1,6-4,6-2. Ancora più agevole il match d’esordio a Wimbledon 2017 per lo spagnolo che ha concesso solo sei games all’australiano Millman.  Fuori a sorpresa Stan Wawrinka. Lo svizzero testa di serie numero 5 è stato sconfitto in quattro set dal russo Daniil Medvedev, numero 49 del mondo. Wawrinka si è presentato a Wimbledon in non perfette condizioni fisiche ed ha accusato problemi al ginocchio sinistro per tutto il match contro Medvedev.

Wimbledon 2017, Giorgi al secondo turno. In campo anche Schiavone e Vinci

Wimbledon 2017, primo sorriso azzurro dal torneo femminile. La prima giocatrice italiana a scendere in campo sull’erba dell’All England Club è stata Camila Giorgi. La marchigiana ha giocato e vinto contro la francese Alize Cornet. Avvio schock per la Giorgi che va subito sotto 0-5 nel primo set. Camila è brava a rientrare sul 5-5, ma paga lo sforzo della rimonta e finisce per perdere il parziale per 7-5. La Giorgi però ormai è in partita e comincia a prendere il comando delle operazioni. La marchigiana vince il secondo e il terzo set con il medesimo punteggio di 6-4. Nel prossimo turno di Wimbledon la Giorgi affronterà l’americana Madison Keys, testa di serie numero 17 del tabellone inglese.

Wimbledon 2017, avanza la Schiavone, out la Vinci. Sempre per quanto riguarda le azzurre oggi è scesa in campo anche Francesca Schiavone, che ha battuto molto facilmente la lussemburghese Minella per 6-1,6-1. Nel corso della giornata è scesa in campo anche Roberta Vinci opposta alla ceca Kristyna Pliskova, sorella della più celebrata Karolina. Per la terza volta in stagione la tarantina è uscita sconfitta nei confronti della Pliskova. 7-6, 6-2 il punteggio in favore della ceca, che è stata fortunata nel tie-break del primo set, dove è stata aiutata da due nastri sul 5-5  e sul 6-6. Una volta conquistato il primo parziale la ceca ha poi approfittato di un netto calo dell’azzurra che saluta così prematuramente Wimbledon.

  •   
  •  
  •  
  •