Serie A2. Girone Ovest. Leonis Roma vince 95-68 contro Pasta Cellino Cagliari, in un Palatiziano gremito di bambini

Pubblicato il autore: alerosi Segui


Dopo le recenti vicende che vedono coinvolta Viola Reggio Calabria (squadra in zona playoff, ma a rischio esclusione dal campionato per una presunta fidejussione inesistente), si riaccende la lotta per rientrare fra le migliori otto.

A quattro giornate dal termine della stagione regolare, quella tra l’Eurobasket e Cagliari è dunque una sfida decisiva: con una vittoria la squadra capitolina potrebbe continuare a sperare nei playoff (e allo stesso tempo allontanarsi dai playout), mentre la compagine sarda – vincendo – rimarrebbe ottava in classifica.

L’inizio è equilibrato. L’Eurobasket cerca e trova con Deloach prima, e Piazza poi, la via del canestro, grazie alla loro velocità che gli avversari non riescono ad arginare. Dall’altro lato del campo è invece Roberto Rullo a rispondere alle due guardie capitoline; grazie alle sue triple riesce a mantenere vicini i suoi.
Sul finire del primo quarto la Leonis riesce però a mettere a segno alcuni tiri dalla distanza, che le permettono di chiudere il primo periodo di gioco con cinque lunghezze di vantaggio: 20-15.

Presa fiducia con l’arco dei tre punti, la squadra ospitante continua come aveva finito i primi dieci minuti, ovvero segnando una serie di triple che dilatano il vantaggio. Cagliari non è in grado di rispondere, e due dei suoi giocatori migliori, Keene e Stephens, non sembrano in giornata. L’Eurobasket riesce ad arrivare all’intervallo lungo con 18 lunghezze di vantaggio.

potrebbe interessarti ancheBasket, calendario Serie A e Coppe Europee: le date della stagione italiana ed europea

Uno dei momenti più emozionanti di questa domenica delle palme è stato proprio il break tra terzo e quarto quarto. L’Eurobasket festeggia il torneo organizzato con diverse squadre di bambini appartenenti alle diverse società di Roma, che oggi sfilano tutte assieme sul parquet. Un bel momento di sport ed un modo per interessare le persone al basket, oltre a permettere di riempire un palazzetto che da troppo tempo non si vedeva così gremito.

Alla ripresa delle operazioni, Cagliari si fa sotto. Coach Paolini alterna la zona 2-3 alla difesa a uomo e i suoi riescono a ridurre le distanze, dimezzando lo scarto, ora di sole dieci lunghezze. È a questo punto che l’allenatore della Leonis, Andrea Turchetto, si ricorda di avere tra le sue scelte anche David Brkic, che non solo ostacola gli avversari con la sua presenza sotto canestro, ma è anche autore di una prova sontuosa nella metà campo offensiva (16 punti in 16 minuti, con 4/5 da tre punti). Insieme a Sims (26 punti e 8 rimbalzi) riportano in vantaggio i loro di 20 punti.

Nell’ultimo quarto non ci sono grandi sorprese. L’Eurobasket controlla senza troppi patemi, Cagliari sbaglia tanto e soprattutto perde troppi palloni (12 a fine gara), e questo dà la possibilità a Sims di mostrare tutte le sue doti atletiche, esibendosi in schiacciate roboanti, servito anche in alley-oop da Deloach.
Il pubblico chiede a gran voce il centesimo punto, che però non riesce ad essere raggiunto solo di poco.

potrebbe interessarti ancheBasket Serie A1, calendario: ecco la prima giornata e il turno natalizio

Un prova convincente quella della Leonis, dove ogni giocatore è riuscito a dare il suo contributo. Anche se rimangono discutibili alcune scelte dell’allenatore Turchetto, che si è visto rimontare dieci punti in poco tempo, salvo poi reinserire alcune pedine fondamentali per la squadra, tra cui anche Pierich (anche lui autore di un’ottima prova: 14 punti in 13 minuti).
Una squadra con molto talento e giocatori di qualità, ma che non è riuscita nel corso della stagione a fare il salto di qualità.

Cagliari invece poteva sicuramente fare di più. Opache le prove di Stephens e Keene, nonostante i loro 30 punti in due, errori banali e palle perse sono stati la chiave per cui la squadra sarda non è stata in grado di completare la rimonta. Rullo al contrario è stato indubbiamente il migliore dei suoi: con 16 punti e 5/8 da tre, il giocatore classe ’90 dimostra di poter dare molto anche nel secondo massimo campionato di pallacanestro italiana.

Un pomeriggio piacevole al Palatiziano, in cui sport ed educazione (world food programme) si sono incontrate per regalare una domenica all’insegna della solidarietà e condivisione.

notizie sul temaBasket Serie A1: il precampionato dell’Openjobmetis VareseBasket serie A2: gli Stings Mantova completano il roster in vista della nuova stagioneBasket Serie A2, Fortitudo Bologna: il punto sul mercato e le amichevoli precampionato
  •   
  •  
  •  
  •