Borriello dal Cagliari alla Spal, è ufficiale

Pubblicato il autore: Benedicta Felice Segui

Marco Borriello sorprende tutti e dalla calda Cagliari approda nella rinascimentale Ferrara, alla Spal a titolo definitivo. Si è discusso molto sull’improvvisa scelta del calciatore a tal punto che si è pensato ad una probabile lite tra l’attaccante e l’allenatore Rastelli. A tal proposito, il calciatore ha ritenuto necessario fare delle precisazioni, espresse su Instagram

potrebbe interessarti ancheMilan, il silenzio prima della tempesta: la Spal, poi il futuro

Queste le sue parole: “Buongiorno amici e in particolare tifosi del Cagliari, vorrei fare chiarezza su quello che si e’ scritto e detto in queste ultime ore riguardo la non convocazione e al mio passaggio di squadra! Innanzitutto ci tengo a precisare che non ho litigato con massimo rastellli ,ne con la societa’ ne con compagni di squadra!!! Quindi tutto quello che avete letto e sentito e’ FALSO!!! Lo scorso anno quando sono venuto a cagliari l’ho fatto con grande determinazione,motivazione ed entusiasmo ed infatti sono riuscito a fare grazie anche all’aiuto dei miei compagni una stagione fantastica con 20 reti e un undicesimo posto in campionato… Per tanti motivi quest’ anno dopo diversi allenamenti e partite non ho sentito piu’ quel fuoco che avevo dentro di me della passata stagione. Penso che per un giocatore di 35 anni le motivazioni devono essere alla base di tutto, al campo ci si deve andare con la voglia di credere in cio’ che si sta facendo…mi reputo una persona passionale e alla continua ricerca di nuove sfide e se vengono a mancare questi requisiti allora diventa un problema per ME…e siccome io non ho voluto mai essere un problema per il Cagliari calcio,per i miei compagni di squadra,l’allenatore e per l ambiente….ho deciso una settimana fa, dopo la partita contro il palermo, di andare in primis dal direttore sportivo e poi dal presidente per manifestare questa mia voglia di cambiare. Non volevo rovinare tutto cio’ di buono che ho fatto per la maglia del cagliari e per i fantastici tifosi che mi hanno veramente fatto sentire un idolo e accolto come se fossi a casa mia!!! Voglio salutare e ringraziare la citta’ di Cagliari e tutti i tifosi per quello che mi hanno dato…vi portero’ sempre nel mio cuore ❤ Ora il mio viaggio continua altrove ho ancora voglia di dimostare il mio valore e dare ancora qualcosa di importante al calcio italiano!!! Un abbraccio Marco”. Il bomber conclude lasciando un saluto e un ringraziamento ai suoi tifosi, marcando l’accoglienza e il sostegno ricevuto nelle stagione trascorsa con il club rossoblù.

potrebbe interessarti ancheUdinese-Spal 3-2 (video gol Serie A): un tempo per parte, la spuntano i friulani che avvicinano la salvezza

La carriera di Borriello è iniziata  nelle giovanili del Milan all’età di quattordici anni ed è proseguita poi nel Treviso dove è stato ceduto in comproprietà. In seguito è passato in prestito alla Triestina in serie C2 con la quale  ha segnato la sua prima rete da professionista  il 29 aprile nel match  contro il Novara. Nella stagione del 2002-2003 è stato riscattato dal Treviso per approdare di nuovo nella società rossonera. Poi altra cessionein prestito all’Empoli dove ha segnato il suo primo gol in serie A, l’unico di quell’anno. Tornato al Milan per breve periodo, viene ceduto in prestito alla Reggina e alla Sampdoria. Nell’estate del 2007 viene acquistato per 2 milioni al Genoa neopromosso in Serie A dopo 12 anni. Il 31 agosto del 2010 passa a titolo gratuito alla Roma con obbligo di riscatto fissato a 10 milioni di euro per poi essere andare in prestito alla Juventus, vincendo lo scudetto.
Borriello tornato alla Roma, viene riacquistato dal Genoa a titolo definitivo il 2 febbraio del 2015 e dopo il passaggio al Carpi passa al Cagliari e rimane lì fino al 19 agosto quando passa a titolo definitivo alla Spal firmando un contratto biennale.

notizie sul temaUdinese-Spal 18/05/2019, Sky Go e diretta tvSqualificati Serie A 37°turno: Palomino salta la Juventus. Multe per Inter, Torino e SpalSpal-Napoli 1-2 (Video Highlights): I partenopei passano grazie a Mario Rui, Petagna illude gli estensi
  •   
  •  
  •  
  •