Formula 1, Gp Brasile. Carlos Sainz arriva terzo partendo ultimo. La Mcleren celebra una stagione positiva.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui

Formula 1, Gp Brasile. Ad Interlagos, oltre alla Red Bull e alla Toro Rosso, c’è stato un altro team che ha avuto molti motivi per festeggiare: la Mclaren. Complice una gara un po’ movimentata, la scuderia di Woking ha ottenuto un podio che mancava dal 2014. Dopo anni difficili nei quai il bandolo della matassa sembrava irrimediabilmente perduto, la stagione 2019 ha rappresento una svolta positiva. Una Mclaren che si è presentata diversa fin da subito, come se fosse stata percorsa dal fresco vento del rinnovamento portato tanto da un nuovo reparto tecnico quanto dai due giovani e talentuosi piloti. Lando Norris e Carlos Sainz sono due compagni di squadra atipici perché sembrano andare molto d’accordo. I loro sketch diffusi via Instagram o i video che girano per la pagina Youtube della Mclaren gli hanno resi simpatici a tutti e questo ha contribuito a trasmettere un’atmosfera di sana leggerezza e positività. Tuttavia, durante la stagione, alla Mclaren le difficoltà e gli errori non sono mancati, ma il potenziale c’era e si è visto  con i primi risultati importanti e i tanti piazzamenti a punti. L’atmosfera positiva che si è generata e il duro lavoro hanno dato i loro frutti e per la prima volta dopo anni il team Mclaren ha avuto un suo pilota sul podio, Carlos Sainz.
Formula 1, Gp Brasile. La super rimonta di Sainz.
Dopo una qualifica difficile, caratterizzata da un guasto al motore Renault, Carlos Sainz è stato autore di una gara grandiosa. Partito ultimo, lo spagnolo è riuscito a compiere una non facile rimonta, ricca di sorpassi e momenti ad alto rischio. Superando una monoposto dopo l’altra, ha costruito una gara perfetta e a completare l’opera sono venute in suo aiuto la buona strategia del muretto Mclaren e un po’ di fortuna. Il team ha optato per una sola sosta, al giro 29, così da mettere il pilota in una posizione di vantaggio rispetto ai suoi diretti avversari. Poi, però, è toccato a Carlos portare a termine il lavoro. Nonostante le gomme usurate, nelle fasi finali, lo spagnolo ha saputo tener testa a un fortissimo Kimi Raikkonen ed è stato capace di resistere ai suoi numerosi attacchi. Le difficoltà legate alle gomme più vecchie si sono fatte sentire, ma lo spagnolo è riuscito a resistere e a tagliare il traguardo in quarta posizione. Certamente, la fortuna ha giocato un ruolo determinante nel conseguimento del risultato finale perché è innegabile il fatto che la Mclaren (come anche l’Alfa Romeo…) ha beneficiato dei molteplici ritiri (Bottas, Leclerc, Vettel e l‘incidente di Albon). Ciò non toglie che il risultato sia stato meritato non solo per il gp disputato ieri ma perché si pone a coronamento di una buona stagione per la scuderia inglese. Poi, la penalità inflitta a Hamilton ha convertito quel quarto posto in terzo. Un piazzamento che ha regalato alla Mclaren l’ambitissimo quarto posto nel campionato costruttori e il primo pilota a podio dopo un lungo digiuno. Purtroppo, la cerimonia di premiazione era già avvenuta quando la direzione gara ha reso nota la penalità e la nuova classifica finale. È stato un peccato non aver visto Sainz sul quel podio, ma la festa è stata in qualche misura recuperata. Tutto il team è salito sul podio con Carlos Sainz per celebrare questo bel risultato. Questo è il primo podio per il pilota spagnolo e consacra giustamente il suo talento e rende merito al suo lavoro. Dagli esordi in Toro Rosso, il pilota spagnolo è cresciuto costantemente e in questo primo anno in McLaren ha dimostrato tutta la qualità della sua guida e la maturità acquisita.

potrebbe interessarti ancheFC Barcelona 2-2 all’Anoeta in una gara senza padroni con polemica finale

Formula 1, Gp Brasile. Sainz: “Sono molto felice”.
Al termine della giornata, Sainz ha così commentato il suo primo podio: “Che giornata!È un primo podio strano, senza essere sul podio subito dopo la gara, ma oggi sono estremamente felice. Partire ultimo e terminare terzo è stata davvero una bella sfida, ma abbiamo lottato fino alla fine con tutto quello che avevamo! È stata una gara molto movimentata e penso di essere stato l’unico a fare un solo pit stop. É stato davvero difficile mantenere la posizione e non farmi ripassare alla ripartenza.”

Festeggia anche il suo compagno di squadra, Lando Norris che ieri è arrivato ottavo.

Carlos sul podio, entrambe le vetture a punti, è una grande ricompensa per tutti coloro che qui e in fabbrica hanno lavorato duramente per me e Carlos questo fine settimana”.

notizie sul temaBundesliga, i risultati del pomeriggio: Bayern e Dortmund a valanga, cade il LeverkusenChampions League, ottavi di finale: le possibili avversarie di Juventus, Napoli e AtalantaNapoli-Parma streaming gratis e diretta tv Serie A, oggi 14 dicembre dalle 18.30
  •   
  •  
  •  
  •