F1, GP D’Italia :ufficiale il rinnovo fino al 2024

Pubblicato il autore: Matty Dalmi Segui

Dopo tre anni di trattative , finalmente è ufficiale. IL GP D’Italia sarà presente nel calendario del mondiale di F1 fino al 2024. L’accordo è stato formalizzato dal presidente della Fia Jean Todt, dal Ceo della F1 Chase Carey  e dal presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani

potrebbe interessarti ancheF1, Qualifiche GP Singapore 2019: Leclerc fa sua la terza pole consecutiva. La griglia di partenza completa

La storia del circuito brianzolo

potrebbe interessarti ancheF1, GP di Singapore 2019: le dichiarazioni dei piloti al termine delle qualifiche

Quest’anno si svolgerò l’edizione numero 90 del GP D’Italia , pensate a quanta storia è inclusa in questo magico luogo. Quanti trionfi e quante delusioni e persino quanti eventi  tragici sono accaduti a Monza. Nel 1922 , l’automobile club di Milano  sull’onda del grande entusiasmo che le corse iniziano a riscuotere decide di far costruire un impianto permanente all’interno del bellissimo parco: l’autodromo di Monza.
Il progetto è dell’architetto  Alfredo Rosselli , la posa della prima pietra avvenne per mano di due grandi ambasciatori dell’automobilismo: il pilota Felice Nazario e Vincenzo Lancia, il circuito venne realizzato in soli 110 giorni.L’autodromo nazionale di Monza venne inaugurato il 10 settembre 1922, quando si disputa la seconda edizione del GP automobilistico d’Italia , a vincere fu  Pietro Bordino al volante della Fiat 804 con il motore a 6 cilindri. Le velocità sul tracciato di Monza aumentano di anno in anno e così all’inizio del 1930 arrivano le prime modifiche all’autodromo, seguite da quelli del 1938 proprio l’anno in cui a vincere il GP d’Italia fu il mantovano volante Tazio Nuvolari. Le curve sopraelevate  sarebbero state abbattute e sarebbero sorti i nuovi box e la nuova tribuna d’onore. Il secondo conflitto mondiale porta alla sospensione di tutte le gare automobilistiche ma il momento più difficile per l’autodromo arriva alla fine della seconda guerra mondiale , nel luglio 1945 sul rettilineo principale ebbe una para di carri armati che andarono praticamente a distruggere l’asfalto . Il ripristino integrale dell’autodromo è del 1948  e da allora il numero delle gare continua a crescere , Alberto Ascari  e Juan Manuel Fangio si aggiudicarono i Gran Premi d’Italia dal 1948 al 1955. Nel 1955 ci fu una grande svolta: vien deciso di ripristinare un circuito di ben 10 km diviso fra percorso stradale e alta velocità, furono ricostruite lo sopraelevate e nacque la curva “Parabolica” e proprio nella curva parabolica nel 1961 ebbe luogo uno degli incidenti più drammatici della storia della F1. Il pilota della Ferrari Wolfang Won Trips finì fuori pista e con lui morirono undici spettatori. Dal 1959 al 1972 ci furono numerose modifiche:  tutte volte a migliorare la sicurezza dell’autodromo tra queste anche le numerose varianti che rendono oggi l’autodromo di Monza unico nel suo genere. Il 1988 fu un anno terribile per la Ferrari , muore il suo storico il “Drake” Enzo Ferrari ma poche settimane dopo i piloti del cavallino Gerard Berger e Michele Alboreto conquistano a Monza una fantastica doppietta. I primi anni 2000 vedono Michael Schumacher e Rubens Barrichello con le loro Ferrari protagonisti assoluti a Monza con ben 4 vittorie su 5 gare. L’ultima vittoria della Ferrari sul circuito di Monza risale al 2010 con Fernando Alonso ma i ferraristi possono ben sperare , se vediamo le ultime 9 edizioni del GP d’Italia Sebastian Vettel si è dato “il cambio” con il suo rivale Lewis Hamilton. Questo rinnovo fino al 2024 è una grande notizia per il pubblico ferrarista e non solo che fino al 2024 potrà contare su un grande evento.

notizie sul temaF1, GP Singapore 2019: la presentazione del circuito di SingaporeFlavio Briatore.” Leclerc è riuscito in alcune gare a cooptare meglio di Vettel. Il mondiale è stato deciso nella prima gara”F1: i 5 miglior momenti del GP d’Italia 2019
  •   
  •  
  •  
  •