Nuoto, Filippo Magnini rischia 8 anni di squalifica per doping

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui


Una notizia totalmente inaspettata sconvolge il mondo del Nuoto e dello sport italiano. Il due volte campione del Mondo dei 100 metri Stile Libero, Filippo Magnini, rischia una squalifica di otto anni per doping. L’accusa rivolta al nuotatore pesarese, dalla procura nazionale antidoping, è di Favoreggiamento, Consumo e somministrazione di sostanze illegali. Il caso è nato dalle accuse mosse al dottor Porcellini ex dietologo personale e suo mentore, assieme al quale, avrebbe violato due articoli del codice della WADA (l’agenzia mondiale dell’antidoping). Sono stati chiesti inoltre quattro anni di squalifica, per l’ex collega, e amico del due volte consecutive iridato a Montreal 2005 Melbourne 2007, Michele Santucci. Magnini era solo indagato, ma ora con l’avvento del nuovo procuratore nazionale PierFilippo Laviani, l’ex atleta, che ha lasciato l’attività agonistica da poco tempo, rischia grosso.

potrebbe interessarti ancheNuoto, Magnini e Santucci squalificati 4 anni per doping. “Sentenza scritta prima del processo”

L’interrogatorio di Magnini il 10 aprile scorso, non avrebbe per niente convinto Laviani. Oltre alle due violazioni degli articoli della Wada 2.2 e 2.9, se ne sarebbe aggiunta una terza, quella del 2.8, tentata avvenuta somministrazione di sostanze dopanti. In base agli elementi raccolti, dalla procura uno dei simboli del nuoto italiano, 36 anni, ha rischiato perfino la radiazione, dal mondo delle piscine. A settembre, il marchigiano non potrà evitare il processo federale, che potrebbe macchiare in modo indelebile la sua immagine di atleta, ma sopratutto di uomo.

potrebbe interessarti ancheNuoto: Re Magno annuncia il ritiro

notizie sul temaNuoto: Pellegrini e gli altri azzurri a Genova accendono i motoriGuai dall’antidoping per Filippo Magnini e Michele SantuccipellegriniFederica Pellegrini si separa da Filippo Magnini, rottura definitiva dopo i Mondiali di Budapest
  •   
  •  
  •  
  •