Aquila Trento: dopo la caduta si prepara per il Torino

Pubblicato il autore: Sara Caon Segui
Foto trentoblog.it

Foto trentoblog.it

Ieri, ore 18.15. Comincia la partita Trentino Dolomiti Energia-Caserta. La diretta su Trentino TV lascia però intendere un’Aquila Trento, eufemisticamente, non proprio al meglio, tanto da aggiudicarsi al termine del match il titolo di peggior prestazione della stagione. E difatti i trentini si inchinano – deludendo a mani basse – alla Pasta Reggia Caserta, che riesce, giocando in casa, a raggiungere la vittoria (meritata) per 84-67.
Tra i giocatori della Dolomiti Energia che ieri hanno comunque cercato di infondere coraggio alla squadra, anche nei momenti finali, il capitano e playmaker argentino Toto Forray, alla sua sesta stagione da capitano a Trento (dove rimarrà – pare – anche per le prossime tre). “Dobbiamo lavorare più duramente”, ha commentato in sala stampa, consapevole dinanzi ai giornalisti che all’Aquila Trento è mancata, per una volta totalmente, l’ultimo pezzo del nome, (Trentino Dolomiti) ‘Energia’ appunto. Anche il Coach Maurizio Buscaglia sa che c’è da lavorare ed è più duro di Forray sulla prestazione trentina col suo lapidario “butterei via tutto […] oggi proprio non c’eravamo”.
Il team trentino guarda già avanti, desideroso di lasciare un ricordo diverso nei suoi fan e ben cosciente che, se il Caserta si è – con l’ultima vittoria – ormai aggiudicato il quarto posto della classifica, la Fiat Torino li attende, stavolta al PalaTrento, il prossimo lunedì. Un Torino che, nello stesso giorno della scivolata trentina, ha giocato bene e tirato fino all’ultimo per poi soccombere al Milano per soli tre punti (97-100). Un Torino che darà forse ai trentini del filo da torcere.
Chissà se gli aquilotti si rialzeranno in volo, dopo la rovinosa caduta. Se son aquile, voleranno? Non resta che augurarglielo.

Leggi anche:  Serie A2 girone verde: una Udine troppo forte si prende i primi punti contro gli Stings
  •   
  •  
  •  
  •