Nba : Lo strano caso dei “prigionieri” Luol Deng e Joakim Noah

Pubblicato il autore: Simone Iannnello Segui

Luol Deng partecipa ad ogni allenamento dei Lakers .Quando loro si allenano, lui si allena. Compie tutti gli esercizi di tiro e per il miglioramento della condizione atletica, restando sul campo di allenamento anche quando gli altri giocatori vanno via. Comportamento degno di un signor professionista. Quando le gare di Nba dei Lakers iniziano, Luol però non abbandona mai lo spogliatoio. Questo è lo strano caso della stagione numero 14 di Luol Deng nella Lega di basket più famosa e pazza del mondo. Luol è diventato un “prigioniero”. I Lakers hanno in panchina in questa pazza stagione di”rebuilding” un giocatore a cui pagano 18 milioni di dollari e che ha calcato il parquet per solo 13 minuti e 8 secondi .Vi chiederete il perchè di tutto ciò,quale sarà la diavoleria dietro questo enorme spreco di denaro e di talento . Luol Deng è stato un signor giocatore ai Bulls e può certo contribuire ancora seppur per 15/20 minuti a partita per la sua squadra. Il motivo è dato dallo scriteriato management di Mitch Kuptchak ,ex GM dei Laker, il quale ha dato a Deng e a Mozgov un contratto enorme e senza senso per i due “Veterani” e ora Walton l’allenatore e Magic Johnson, nuovo GM dei Lakers, non vogliono che Deng sia impiegato e rubi minuti preziosi di sviluppo ai giovani della squadra. La vicenda è molto difficile per lo stesso Deng ,che intervistato dai reporters ha detto : “E’ molto dura. E’ difficile non giocare ,ma io posso solo controllare me stesso. Io sono un professionista e sono ancora qui con la squadra per supportarla e continuare ad allenarmi duramente. Io sto provando ad aiutare i giovani a migliorare. Se fosse per me amerei giocare sempre . Sarò onesto con voi ma non so fin quando potrò sopportare questa situazione e restare qui così.”Luol Deng è al centro di voci di mercato fin dalla fine di Novembre e nel caso non vi fossero trade in questi ultimi giorni di mercato,vorrebbe comunque “essere tagliato” cioè ricevere un buona parte dei soldi di stipendio a lui garantiti ma non essere più a roster con i Lakers e potersi accasare dove il mercato lo porterà.

Jokim Noah , figlio del celebre tennita francese Yannick , si trova nelle stesse prigione dorata di Luol Deng ,suo ex compagno ai Bulls di Chicago. Noah a causa del pesantissimo contratto di 72 milioni di dollari per quattro anni che lo lega ai New York Knicks, non riesce a trovare mercato e inoltre la stessa politica dei Lakers , ovvero di lasciare grande spazio ai giovani ha preso piede anche a New York .Noah non ha visto il campo praticamente mai in questa stagione Nba . Relegato solo ad una manciata di minuti a partita ormai conclusa contro i Golden State Warriors,secondo il New York Post, avrebbe abbandonato la squadra in preda alla rabbia e sarebbe tornato momentaneamente a Chicago, dove vive la sua famiglia. Noah guadagnerà 18,5 milioni di dollari questa stagione e 19,2  nella stagione 2019 /2020 . Il giocatore,ex miglior difensore Nba , potrebbe ancora contribuire per i Knicks nel reparto difensivo ma il suo enorme contratto non è adeguato alla relazione costo-effetto .I New York Knick proveranno fino alla “trade deadline” a piazzare Noah ma fino a questo momento tutti i team contattati si sono tirati indietro non volendo assorbire il suo enorme contratto.

  •   
  •  
  •  
  •