NBA, Nowitzki raggiunge 50.000 minuti in carriera

Pubblicato il autore: alerosi Segui


Solo Kareem Abdul-Jabbar (57,446), Karl Malone (54,852), Kevin Garnett (50,418) e Jason Kidd (50,111) hanno disputato più minuti di Dirk Nowitzki in NBA. Un traguardo difficile da raggiungere per qualsiasi giocatore, ma soprattutto per un europeo. Il record segnato dal tedesco non rappresenta solamente l’ennesima statistica da aggiungere ad una carriera stellare, bensì dimostra il compimento di una rivoluzione avvenuta all’interno del campionato di basket più seguito al mondo.

Solo verso la fine degli anni ’80 alcuni giocatori europei, come Vlade Divac o Drazen Petrovic, riuscirono ad approdare nell’NBA. Erano per lo più casi isolati, talenti straordinari che venivamo portati in America per deliziare il pubblico con le loro giocate. A quell’epoca nessuno si sarebbe sognato di poter intaccare un record simile, troppo il divario con i giocatori americani, che erano pur sempre privilegiati e godevano di più minuti in campo. Il passare del tempo ha tuttavia colmato questo gap, gli europei sono riusciti a scrivere pagine importanti della storia della pallacanestro americana e oggi sono una presenza fissa in ogni squadra. Anche durante il draft di inizio hanno compaiono ormai tra le prime scelte, com’è accaduto per Bargani tempo fa e come accadrà per il prodigioso Luka Doncic prossimamente.

Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"

Nowitzki, però, non solo è riuscito a raggiungere i 50.000 minuti sul parquet, ma è stato anche il primo europeo a sollevare il massimo riconoscimento individuale per un cestistica, il trofeo di MVP, durante la stagione 2006-2007. Un giocatore dunque unico, dallo stile inconfondibile, che attraverso il suo tiro dalla parabola arcuata è riuscito ad incantare il pubblico della sua franchigia per innumerevoli stagioni.
Come hanno omaggiato quest’ultimo successo i Dallas Mavericks? Ebbene sì, hanno sbagliato a scrivere il suo nome sulla maglietta, invertendo l’ordine tra “Z” e “K”.

Il nome sulla maglietta sarà pure errato, ma il record è giusto, sono quattro zeri, 50.000, numeri da capogiro.

  •   
  •  
  •  
  •