Vanoli Cremona vince il derby lombardo.

Pubblicato il autore: Birkan Kayadibi

Il neo campione di Coppa Italia ha ospitato la squadra di basket più titolata d’Italia. Al Palaradi di Cremona dunque si sono sfidate Armani Exchange Milano e Vanoli Cremona. Milano era sceso in campo per rompere lo streak di 3 sconfitte consecutive, uscendo però sconfitta e aggiungendo la quarta sconfitta in row. I padroni di casa invece sono scesi in campo contenti di riavere Diener, il protagonista assoluto nella final eight di Coppa Italia e che anche in questa partita ha fatto prevalere la propria esperienza in momenti decisivi.

1° Quarto
A 4 minuti di gioco le squadre sono entrambe col freno a mano tirato: palle perse a vicenda e azioni in attacco mal organizzate. Entrambe però sono attente a recuperare rimbalzi in difesa e questo fa sì che non ci siano canestri facile nel primo spiazzo di gara. A rompere il ghiaccio è Nunnally che porta lo score su 6-9. Dopo poco più di un minuto è sempre lui che dai 3 firma il 8-14 per i milanesi. In questa frazione della partita il pick n roll Cincia-Tarczewski fa male ai cremonesi e su uno di questi si pesca Nunnally libero che porta la partita sul +11. Il quarto si conclude 16-24 per Milano, domina l’americano ex Avellino con 11 punti.

2° Quarto
Nei secondi dieci minuti si sveglia la Vanoli: concede solo un gioco da quattro punti agli avversare e con sforzi di Diener fuori e Stojanović dentro l’area, costringe Pianigiani al Time Out sul 26-28 a metà quarto. Dopo circa due minuti di digiuno di entrambe le squadre, Mathiang firma il 28-28. Poco dopo Crawford porta in vantaggio la propria squadre per la prima volta segnando entrambi i liberi dalla lunetta: 30-28.
Cremona è brava a recuperarare rimbalzi sotto entrambi i canestri quanto imprecisa a concludere. Il talento dei giocatori di Milano punisce però la mancanza di freddezza dei padroni di casa in attacco che ripassa di nuovo in vantaggio e conclude la metà gara sopra 32-36.
A metà partita la differenza di pochi punti è esclusivamente attribuibile all’esperienza dei giocatori di Armani Exchange ad essere più concreti nell’area colorata. Questi ultimi infatti hanno realizzato 14 dei 24 tentativi da 2 punti contri i 10 su 25 dei padroni di casa. Dato che chiude il cerchio.

3° Quarto
Il terzo quarto vede una prima metà protagonista Saunders che la porta sul 38-38 al 24′. Poco dopo, Cremona passa anche in vantaggio grazie alla difesa aggressiva dei ragazzi di Sacchetti soto il proprio ferro.
Nonostante la grinta nettamente superiore ai giocatori allenati da Coach Pianigiani, questi ultimi si dimostrano più cinici. Milano riesce a rimanere n partita e chiudere il terzo quarto 47-51, grazie ai tre liberi realizzati da Nunnannly per un fallo su tiro da fuori concesso allo scadere del quarto. L’americano era a 18 punti punti prime del 4° e ultimo quarto.

4° Quarto
L’ultimo quarto è quello più emozionante. A poco più di un minuto il risultato è di nuovo in parità 51-51. Bomba “clutch” di Diener che firma il vantaggio di 54-53, e subito dopo sempre lui prende il time out per Milano: 58-53 Cremona. Alley hoop di Mangok porta il parziale a +7. Quando si pensava che fosse finita recupera Milano e time out di Sacchetti sul 62-61.
A dare il KO è Crawford che ci crede più di tutti e con una prestazione nell’ultimo quarto (14 dei 24 totali) merita il nostro applauso. Con una tripla al 38′ firma il 67-61 e TO d’obbligo per Pianigiani. Qui l’entusiasmo di Vanoli eccede e vede recuperarsi a +2. Sulla discesa finale però Tarczewski sbaglia liberi importanti mentre Crawford mette tutti quelli che deve mettere. La partita si conclude 76-72 per Vanoli Cremona.

  •   
  •  
  •  
  •