Torneo olimpico di basket: debutti vincenti per Slovenia e Spagna, brillano Doncic e Rubio

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Nel torneo olimpico di basket Slovenia e Spagna, rispettivamente vittoriose su Argentina e Giappone, assumono il comando del girone C al termine della prima giornata andata in scena alla Saitama Super Arena. Nella gara d’apertura del raggruppamento la selezione balcanica diretta da Aleksander Sekulic, trascinata da un superlativo Luka Doncic (48 punti, 11 rimbalzi e 5 assist), consegue una perentoria affermazione su quella albiceleste per 118-100. La Slovenia, sempre avanti nel punteggio salvo per 41’’ nel corso dei primi due minuti di gioco, prendono definitivamente il largo sul finire del secondo periodo quando con un parziale favorevole di 14-2 si ritrova a 2:24 dall’intervallo lungo a condurre per 53-36.

Nella ripresa i campioni d’Europa toccano anche il +30 (82-52 al 27’) prima di chiudere con 18 lunghezze di vantaggio. Non bastano all’Argentina, dominata a rimbalzo (32 a 59 il computo totale) e decisamente inferiore nelle percentuali di realizzazione dall’arco (5/31 a fronte del 16/43 degli avversari), i 23 punti di Luis Scola ed i 21 di Facundo Campazzo. Tra i vincitori meritevoli di essere sottolineate, oltre a quella di Doncic (arrivato a soli sette punti dall’eguagliare il record assoluto di marcature in un match olimpico stabilito da Oscar Schmidt a Seul nel 1988), anche le prove di Klemen Prepelic (22 punti con 4/6 da tre) e Mike Tobey (11 punti e 14 rimbalzi).

Nell’altro incontro del girone C la Spagna prevale al debutto sui padroni di casa del Giappone per 88-77. La nazionale guidata da Sergio Scariolo, una volta vistasi respingere l’iniziale tentativo di fuga (11-2 al 5’), avvia proprio a partire dalla parità raggiunta dagli avversari al 16’ a quota 26 un tramortente parziale di 19-0 che le consente di portarsi a condurre per 45-26 a 1:24 dalla fine del primo tempo. Il Giappone, dopo essere scivolato al 27’ sotto di 24 lunghezze (42-66), riesce con un break favorevole di 17-3 a riportarsi in apertura di ultima frazione a -10 (59-69). Il prosieguo del confronto non riserva però sorprese: la Spagna, rivelatasi nel corso del match nettamente più efficace nel gioco interno (48-24 i punti in area), conserva, infatti, sino al termine un vantaggio in doppia cifra.

Tra i campioni del mondo spicca la prestazione di Ricky Rubio (20 punti, 9 assist e 25 di valutazione). Con il 30enne playmaker dei Minnesota Timberwolves in cabina di regia la selezione iberica ha girato a meraviglia (+27 di plus/minos). Non altrettanto può dirsi quando il timone del gioco è passato nelle mani di Sergio Rodriguez: meno 16 di plus/minos per il “Chacho” a dispetto di cifre individuali tutt’altro che disprezzabili (9 punti con 4/7 al tiro, 3 rimbalzi, 2 assist, un recupero e nessuna palla persa in poco meno di 19’). Tra gli iberici convincente anche la prova fornita da Victor Claver (13 punti con un 6/6 dal campo e 9 rimbalzi). Sul fronte opposto da segnalare i 20 punti di Rui Hachimura ed i 19 di Yuta Watanabe.

Torneo olimpico di basket, girone C

Prima giornata
Argentina vs Slovenia 100-118
Giappone vs Spagna 77-88
Classifica
1. Slovenia 2
2. Spagna 2
3. Giappone 0
4. Argentina 0

  •   
  •  
  •  
  •