Nba, multa di 50.000 dollari per Durant

Pubblicato il autore: Alessandro Vescini Segui

Durant
La stella dei Brooklyn Nets, Kevin Durant, ha ricevuto una multa dalla National Basketball Association di 50.000 dollari. Il motivo? Linguaggio offensivo. L’episodio che ha causato la sanzione è stato un tweet provocatorio dell’attore americano, Michael Rapaport, datato 22 dicembre 2020. L’ala dei Nets, sentitosi preso in causa, ha scritto privatamente all’attore. Ma invece di chiarire, è nato un battibecco acceso tra i due. Con il proseguire dei mesi è sfociato in insulti reciproci, ma la peggio l’ha avuta proprio Rapaport. Durant non è nuovo a questi gesti, ma questa volta ha addirittura minacciato la moglie di Rapaport. L’attore, inizialmente deciso a denunciare il giocatore alle autorità, ha poi pubblicato un post su Instagram mostrando i messaggi ricevuti. Un atteggiamento che l’Nba ha prontamente punito, definendo le frasi di Durant: “Violente, offensive e dispregiative”. Il cestista, ancora fermo ai box per un infortunio alla coscia, è stato graziato dall’Nba con una multa economica e non una squalifica dal parquet. Subito dopo la multa, in un’intervista sono arrivate le scuse di Durant: “Chiedo scusa a tutti per il linguaggio utilizzato: non è quello che voglio che la gente ascolti da me”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michael Rapaport (@michaelrapaport)

  •   
  •  
  •  
  •