Intervista esclusiva a Fabiano Santacroce: "Inghilterra favorita ad Euro 2024. Conte al Napoli? Ecco come agirà sul mercato"

Con l'inizio di Euro 2024 alle porte, la nostra redazione ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Fabiano Santacroce. L'ex calciatore e procuratore si è sbilanciato sulle scelte fatte del Napoli e sul possibile cammino degli Azzurri in Germania

Il campionato di Serie A ha emesso i suoi verdetti e l'inizio del calciomercato e di Euro 2024 è alle porte. A parlare di tutto questo, e non solo, in esclusiva ai microfoni della nostra redazione ci ha pensato Fabiano Santacroce. L'ex calciatore, tra le altre di Como e Napoli, si è sbilanciato sulle scelte delle sue ex squadre e sul possibile cammino degli Azzurri in Germania.

L'inizio degli Europei è vicinissimo, fin dove potrà arrivare l'Italia di Luciano Spalletti in Germania?

L'Italia è una nazionale che può sicuramente sorprendere. Conoscendo Spalletti farà un grande lavoro a livello mentale sul gruppo e se riuscirà a compattare tutti potrà essere la sorpresa dell'Europeo.

Qual è la favorita di Euro 2024? E quale la possibile finale?

Inghilterra, Francia e Germania sono probabilmente le formazioni più temute da tutti. La squadra da evitare è probabilmente quella di Gareth Southgate e come possibile finale dico proprio Inghilterra-Italia, un remake della passata edizione.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

Quale sarà il giocatore sorpresa tra i 26 scelti da Luciano Spalletti e, in generale, dell'Europeo?

Penso che Retegui abbia una bella occasione di mettersi in mostra. Come talento credo che uno dei giocatori più forti dell'Italia sia Nicolò Zaniolo, ma non ci sarà a causa dell'infortunio rimediato nel finale di stagione. Spero che riesca a confermarsi come uno dei talenti italiani più forti.

Spostiamoci un attimo sul calcio nostrano. Vorrei iniziare col chiederti un pensiero sulla promozione in Serie A della squadra che ha lanciato la tua carriera da professionista: il Como.

Sono estremamente felice di vedere una squadra come il Como finalmente nella massima serie. La società ed il direttore hanno fatto un lavoro fantastico prendendo giovani profili importanti ed un allenatore che sicuramente ha saputo dare ai ragazzi tutto il bagaglio che serviva per trionfare! Ho dei ricordi fantastici nonostante il periodo non facile (era fallita), ma sono ancora più felice perchè in questo Como ci sono ancora delle figure, nelle giovanili, che sono stati gli artefici di quella che è stata la mia carriera. Un altro grosso applauso va fatto anche al Parma.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

Stagione da dimenticare, invece, per un'altra tua ex squadra, ovvero il Napoli. Cosa non ha funzionato?

Non ha funzionato niente. Ci sono stati grossi problemi di gestione fin dall'inizio: dalla scelta dell'allenatore alla scelta dei nuovi giocatori, senza tralasciare anche le operazioni di rinnovo. Quando un'annata parte così è molto difficile riuscire a raddrizzarla. E' stata troppo sottovalutata la perdita di Spalletti e Giuntoli. E' stato un errore che poi si è pagato.

Secondo le ultime indiscrezioni Antonio Conte potrebbe diventare il nuovo allenatore del Napoli. Secondo te, è l'allenatore giusto per ripartire?

E' l'allenatore migliore per ripartire perché ha presa sia sullo spogliatoio che fuori dalla spogliatoio. E' un tecnico intransigente che darà nuovi stimoli a tanti giocatori e mi aspetto un Napoli nuovo, che darà filo da torcere presto a tutte le big.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

L'ipotetico arrivo del tecnico salentino potrebbe portare a Napoli il ritorno di grandi giocatori. Quale potrebbe essere il primo colpo di mercato dell'era Conte?

Credo che sul mercato si agirà sempre secondo le logiche del presidente, che é riuscito a portare in Serie A un modello che andrebbe studiato da tante altre squadre che per vincere rischiano sempre e comunque di finire piene di debiti. Mi aspetto un mercato volto al prendere giovani e non calciatori con tanta esperienza, a parte forse un colpo in attacco o a centrocampo.

A meno di colpi di scena, Victor Osimhen è destinato all'addio. Su di lui ci sono PSG e vari club di Premier League. Dove potrebbe andare?

Penso che abbia già un accordo da quando ha firmato il rinnovo con il Napoli e mi aspetto di vederlo al Paris Saint-Germain.