Calciomercato da ridere, lo strano caso di Cabezas dell’Atalanta

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui


Una storia tragicomica quella che ha investito l’Atalanta e il suo calciatore Bryan Cabezas, centrocampista di 20 anni acquistato due estati fa dalla squadra ecuadoregna dell’Independiente del Valle per 1 milione e 600 mila euro. Cabezas colleziona una sola presenza in maglia nerazzurra durante la scorsa stagione, ma gli orobici credono nelle qualità del ragazzo e decidono di mandarlo nello scorso Luglio in prestito al Panathinaikos. In Grecia il centrocampista di proprietà dell’Atalanta mostra le sue doti collezionando 14 presenze condite da 2 gol.
Tuttavia il Pana è in difficoltà dal punto di vista economico-societario e decide di rispedirlo alla casa madre. A questo punto l’Atalanta si attiva per trovare una nuova soluzione di prestito a Cabezas, che porta in Argentina, e precisamente all’Independiente. La trattativa è ormai sul punto di essere conclusa, mancano solo le firme, ma è qui che avviene l’inimmaginabile: la squadra sudamericana, in sede di stesura del contratto, redatto in inglese, traduce il nome del centrocampista da Cabezas a “Heads”.
Un errore clamoroso, difficilmente spiegabile, accompagnato anche da altri errori burocraticamente grossolani, che spingono l’Atalanta e il calciatore a far saltare il banco e a non siglare l’accordo. Fortunatamente il giovane sudamericano ha diversi estimatori ed è pronto ad accasarsi per i prossimi 6 mesi all’Avellino, per buona pace dell’Atalanta, che per garantire continuità al suo prospetto forse non sapeva più dove sbattere la.. Cabezas!

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: