Inter-Pastore non è ancora finita. Serve uno sforzo di Suning per sbloccare la trattativa

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui
TURIN, ITALY - MARCH 18: FC Internazionale board member Steven Zhang Kangyang looks on prior to he Serie A match between FC Torino and FC Internazionale at Stadio Olimpico di Torino on March 18, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Steven Zhang (presidente dell’Inter) – Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

A due giorni dalla chiusura della finestra di mercato di questo gennaio 2018, l’Inter è alle prese con un altro grande affare: Javier Pastore del PSG. Le prossime ore saranno decisive per definire il possibile passaggio dell’argentino all’Inter.

Fino a notte fonda Sabatini, Ausilio e Zhang sono stati insieme a Nachini per trovare il modo di portare il giocatore a Milano. L’agente del giocatore della squadra parigina ha preparato il terreno per aiutare Pastore a passare in serie A. Sia la società nerazzurra che quella francese stanno cercando il metodo migliore per questo affare. Il PSG offre Pastore in prestito con debito di riscatto, secondo quanto dichiarato dalla Gazzetta dello Sport, ma la società di Thohir deve fare uno sforzo economico per portare l’argentino nella rosa di Spalletti.

Leggi anche:  Milan su Thauvin, Maldini: "Giocatore che va seguito, economicamente interessante"

Secondo le ultime dichiarazioni dello staff nerazzurro, la trattativa non è semplice e non ci sono certezze. Sabatini, su Pastore, ha dichiarato: “Situazione complessa ed improbabile”, mentre Ausilio: “Io non regalo sogni”. Al momento nessun dato certo sul passaggio del giocatore argentino all’Inter, stasera impegnato con la sua squadra nella partita della coppa di lega, tra Rennes-Paris Saint Germain, valida per la semifinale.

 

  •   
  •  
  •  
  •