Mercato Juventus, rivoluzione a centrocampo: ecco tutti i possibili colpi in entrata e in uscita

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

mercato juventus
Mercato Juventus, sono giorni intensi per il duo Marotta-Paratici, che lavorano incessantemente per portare a termine alcune delle trattative annunciate nei giorni scorsi.
Importanti investimenti saranno fatti senza dubbio a centrocampo, il reparto che necessita di qualche ritocco: se la Juventus vuole essere leader indiscussa anche in Europa dovrà necessariamente mettere mano in mediana, dove sia Miralem Pjanic che Sami Khedira faticano quando hanno di fronte avversari più freschi ed energici.
Uno dei colpi preannunciati è senza dubbio Emre Can: il talento tedesco arriverà all’ombra della Mole a parametro zero e va a rafforzare ulteriormente il reparto in questione. Per la società bianconera, si tratta di un colpo a medio-lungo termine, che consentirà di apportare le giuste migliorie nella rosa a disposizione del tecnico Massimiliano Allegri.
Il compito degli uomini di mercato della Juventus non è finito, anzi: è abbastanza fitta la rosa dei nomi che i dirigenti bianconeri proveranno a strappare ai rispettivi club di appartenenza, alcuni in ottica estiva, altri già nell’attuale finestra di calciomercato. Così come allo stesso modo ci sarebbero alcuni nomi pronti a partire o perché hanno reso meno di quanto potessero dare o perché ritenuta necessaria la loro cessione al fine di evitare una eventuale futura svalutazione.

Leggi anche:  Sky o Dazn? Dove vedere Spezia Juventus: diretta tv e streaming

Mercato Juventus, a centrocampo chi viene e chi va

Emre Can non è il solo colpo in entrata per la Juventus: la dirigenza del club bianconero avrebbe già trovato l’accordo per il calciatore belga in forza alla Sampdoria, Dennis Praet. Il classe 1994 potrà sicuramente contribuire alla causa, considerato uno dei migliori giovani centrocampisti in circolazione.
Ma non finisce qui: il nuovo modulo adottato dal tecnico livornese impone l’individuazione di ulteriori calciatori che possano rendere proficuo lo schema di gioco inaugurato in questa nuova stagione. Si parla ormai da giorni di Nicolò Barella, il talentuoso centrocampista del Cagliari, pallino proprio del duo Marotta-Paratici. Per questo tipo di affare bisogna vincere la resistenza del presidente del club sardo Giulini, il quale non scende a compromessi, avendo già fissato il prezzo sui circa 50 milioni di euro. Notizia dell’altro giorno vuole che la Juventus e la società isolana abbiano trovato una sinergia in ottica di possibili scambi sull’asse Torino-Cagliari, con i bianconeri interessati, tra gli altri, all’attaccante coreano Han e al centrocampista Biancu, mentre i rossoblu sono sulle tracce di tre baby juventini, ossia Cerri, Caligara e Audero. Da questa forma di cooperazione potrebbe nascere qualcosa di importante, oltreché avvicinare le parti in merito alla cessione proprio di Barella.
Occhi puntati anche su Bryan Cristante dell’Atalanta, a riprova delle intenzioni della Juventus di intervenire in un reparto nostalgico, ma nel quale ha sofferto maggiormente la passata stagione: anche in questo caso l’affare sarà possibile solo il prossimo giugno.

Leggi anche:  Sky o Dazn? Dove vedere Spezia Juventus: diretta tv e streaming

In uscita, a parte la situazione legata al futuro di Sami Khedira, con il quale dovrà essere ancora definito un possibile rinnovo del contratto, Miralem Pjanic e Blaise Matuidi sarebbero certi della conferma, così come Rodrigo Bentancur, le cui qualità tecniche sono particolarmente apprezzate dal tecnico Allegri.
Il sicuro partente dovrebbe essere proprio Stefano Sturaro: il classe ’93, che non demerita dal punto di vista tecnico, ha un mercato di tutto rispetto e, considerate le gerarchie in seno alla Juventus, potrebbe sicuramente lasciare Torino.
La situazione di Claudio Marchisio è alquanto delicata: considerato dalla tifoseria bianconera una vera e propria bandiera, sulle spalle il Principino ha i tanti infortuni ed un’età non proprio giovanissima. Il suo nome fa gola a moltissimi rinomati club europei, sarà difficile gestire la sua posizione alla luce di queste considerazioni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: