Cassano e i suoi fratelli, oggi chiude il mercato degli svincolati

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui


Finisce il mese di febbraio e con esso si chiude definitivamente qualsiasi possibilità di vedere giocatori nuovi nelle varie squadre. Infatti da domani 1 Marzo non sarà più possibile tesserare calciatori, i celebri svincolati. A meno di stravolgimenti dell’ultimo minuto, infatti, saranno tanti i giocatori che resteranno fermi almeno fino alla prossima stagione. Molti di questi non sono nemmeno tanto avanzati nell’età e forse avrebbero potuto ancora dire qualcosa al calcio e avrebbero potuto far comodo a molti club.

Nella rosa degli svincolati di lusso, il primo nome che balza agli onori delle cronache è sicuramente quello di Antonio Cassano. Il pibe di Bari Vecchia ad oggi è senza squadra e difficilmente verrà piazzato dal suo procuratore, Alessandro Moggi, sia perchè tanti dirigenti temono che il vulcanico carattere dell’attaccante ex Inter destabilizzi gli spogliatoi, sia perchè lo stesso Cassano non accetta, come da lui stesso recentemente dichiarato, qualsiasi offerta gli pervenga (e quelle di certo non mancano). Cassano ha firmato l’ultima volta questa estate per l’Hellas Verona, salvo poi pentirsi della scelta fatta e decidere di abbandonare la causa scaligera perchè non entusiasmato dall’idea di lottare per la salvezza. A questo punto ci si chiede se non sia forse giunta l’ora di dare il tanto agognato addio al calcio giocato: infatti, a parte l’indiscutibile talento del barese, la condizione fisica potrebbe non essere ottimale per affrontare campionati professionistici, visto che Cassano non  scende ufficialmente in campo dal Maggio del 2016, quando vestiva la casacca blucerchiata della Samp, prima del divorzio interno con l’avvento di Giampaolo a Genova e la successiva rescissione contrattuale dal club di Ferrero.

Leggi anche:  Isco-Inter, il padre-agente: "C'è la volontà"

Insieme a Cassano, troviamo tanti altri calciatori di sicuro affidamento. Antonio Nocerino è svincolato dopo l’esperienza nella MLS americana con l’Orlando City ma, nonostante abbia solo 33 anni, non ha trovato sistemazione. Altro calciatore uscito dai radar è Rolando Bianchi, che aveva iniziato in maniera molto promettente la sua carriera alla Reggina, per poi diventare uno dei primi acquisti del faraonico Manchester City, dove però non ha mai sfondato. Dopo l’esperienza inglese, tante le maglie vestite dall’attaccante, ultima quella della Pro Vercelli in Serie B lo scorso anno.

Altro nome caldo è quello di Alex Song, classe 1987, quindi anagraficamente ancora molto appetibile. Song , di nazionalità franco-camerunense, ha vestito in carriera maglie pesanti come quelle dell’Arsenal e del Barcellona. L’ultima esperienza risale alla scorsa stagione, nella Premier League russa a servizio del Rubin Kazan.
Samir Nasri era un altro dei calciatori di sicuro talento rimasto nella lista degli svincolati, ma, mentre se per gli altri vi è ancora, fino a questa sera, un barlume di speranza di apporre la firma su qualche contratto, per il francese ex City questa possibilità è definitivamente svanita da ieri. Infatti Nasri , che fino a pochissimi giorni fa era un calciatore dell’Antalyaspor, in Turchia, è stato squalificato dalla Uefa per 6 mesi per doping, nonostante rischiasse addirittura 4 anni di stop, a causa di una trasfusione di sangue che conteneva sostanze dopanti. Addirittura per lui voci di mercato ( forse non totalmente fondate) volevano fosse forte l’interessamento del presidente del Benevento, Vigorito, che già ha stupito tutti ingaggiando calciatori di calibro superiore alla lotta salvezza come Sandro e Sagna.

  •   
  •  
  •  
  •