Milinkovic-Savic:”Mendes? No grazie, arriverò in alto con Kezman”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
BOLOGNA, BOLOGNA - OCTOBER 25: Sergej Milinkovic Savic of SS Lazio celebrate a opening goal during the Serie A match between Bologna FC and SS Lazio at Stadio Renato Dall'Ara on October 25, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

(Photo by Marco Rosi/Getty Images© selezionata da SuperNews )

Milinkovic-Savic, no a Jorge Mendes. Una voce che stava diventando sempre più insistente, Jorge Mendes nuovo procuratore di Sergej Milinkovic-Savic. Prima ci ha pensato il diesse della Lazio Tare a smentire tale ipotesi, poi è arrivata anche la conferma del giocatore. “Devo ribadire che di certo non ho cambiato agente. Kezman e i suoi partner sono come una famiglia per me e insieme siamo più forti che mai. Abbiamo iniziato un percorso 5 anni fa e vogliamo arrivare al top, tutti insieme!!”, questo il comunicato che il sebo ha affidato al portale Calciomercato.com. Poche parole per ribadire la volontà di continuare con il suo attuale agente, senza dover approdare alla scuderia Mendes. Il potente procuratore di Cristiano Ronaldo era evidente interessato al serbo della Lazio, ma ora dovrà dirigere le sue mire su altri calciatori. Conferme che arrivano anche da Mateja Kezman, ex centravanti di Chelsea e Psv:”Sergej fa parte della famiglia e, ovviamente, nulla è cambiato. Nessuna variazione, dunque. Milinkovic fa ancora parte della squadra di Kezman. Si tratta di una questione di “famiglia”.

Intanto il centrocampista della Lazio si è aggregato alla propria Nazionale. La Serbia corre ai ripari visti i problemi fisici di Sergej Milinkovic-Savic. Come riportano i canali ufficiali della federazione, per le amichevoli con Marocco e Nigeria al posto del centrocampista della Lazio sarebbe infatti stato convocato Nemanja Maksimovic, regista classe ’95 del Valencia.

Milinkovic-Savic, continuità per diventare ancora più grande

Milinkovic-Savic, futuro ancora biancoceleste. La conferma di Kezman come agente è un segnale sul proseguimento della storia tra il centrocampista serbo e la Lazio? Forse sì. Sergej sa che a 23 anni il suo processo di maturazione sta attraversando un periodo importante. Simone Inzaghi sta coltivando in modo egregio il talento dell’ex Anderlecht, facendolo diventare un giocatore sempre più completo. Milinkovic-Savic ha poi l’esempio di Pogba. Il francese ha lasciato la Juventus  troppo presto, smarrendosi a Manchester. I grandi giocatori arrivano al topo con ogni tipo di procuratore. Il top tecnico si raggiunge con allenamenti e sudore, quello economico è molto più semplice. Sergej giura fedeltà al suo agente e forse anche alla Lazio, sarebbe meglio per lui. Molto meglio.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sarri ancora non rescinde con la Juventus: ecco perché