Neymar, cinque buone ragioni per lasciare il Psg

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui
PARIS, FRANCE - NOVEMBER 22: Neymar of PSG during the UEFA Champions League group B match between Paris Saint-Germain and Celtic FC at Parc des Princes on November 22, 2017 in Paris, France. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

(Photo by Catherine Ivill/Getty Images © scelta da SuperNews)

Non è tutto oro ciò che luccica, dice un famoso proverbio. E di questo sembra essersene accorto anche Neymar: la prigione dorata che lo tiene legato al Psg inizia a stargli particolarmente stretta e non è un mistero che l’asso brasiliano da qualche mese a questa parte abbia iniziato a guardarsi intorno. Ma non c’è soltanto la percezione che la Champions sia davvero molto difficile da raggiungere in Francia ad alimentare la voglia di fuga dell’ex Santos. Il portale sudamericano UOL Esporte ha catalogato le cinque motivazioni che stanno sempre più convincendo Neymar a licenziarsi dalla causa parigina.

La prima motivazione riguarda la sua salute: a causa di un fallaccio subito nel match contro il Marsiglia di poche settimane fa l’astro del pallone carioca resterà fuori praticamente fino a fine stagione. E sono proprio gli interventi cattivi nei suoi confronti che lo rendono scettico circa una permanenza al Psg: statisticamente Neymar subisce 5,7 falli a partita che lo hanno inevitabilmente condotto a problemi fisici vari. Un’altra ragione è strettamente legata alla prima: gli arbitri trasalpini non lo tutelerebbero abbastanza, anzi non perdono occasione per essere particolarmente fiscali nei suoi confronti: sono stati parecchi i cartellini collezionati in questi mesi in Ligue 1.

Leggi anche:  Fiorentina, a gennaio all-in su Caicedo per Prandelli

Terza motivazione: il campionato francese non è sufficientemente competitivo, ma non ci voleva di certo Neymar per scoprirlo. Il livello tecnico più basso rispetto alla media degli altri top campionati europei frena inesauribilmente le ambizioni di primeggiare nel mondo (e di vincere il pallone d’oro) del dieci parigino. A ciò si aggiungano le carenze strutturali della Ligue 1: i campi francesi non versano in buone condizioni, e ciò crea problemi tanto alla spettacolarità del gioco di Neymar, quanto alla sua condizione fisica.

Infine, l’ultima ragione che giustificherebbe la fuga dal Psg sarebbe estremamente “comoda”: la squadra di Emery è solita radunarsi dal giorno prima della partita e viaggia in pullman per le trasferte nelle città più vicine. Tutto questo a Neymar era sconosciuto al Barcellona, dove il ritiro pre-partita non era una consuetudine e dove i viaggi erano molto più comodi. God save Neymar!

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,